Casa Chievo: recuperano Castro e Gobbi, Hetemaj e Cacciatore ancora in dubbio

Report del giovedì: tutte le ultime news dalla sede gialloblu.

di Stefano Civini

Vacanze concluse già da qualche giorno per gli uomini di Maran che sono tornati ad allenarsi in vista del primo impegno del 2017 di domenica contro l’Atalanta. La sosta è stata utile per recuperare qualche pedina importante, mentre altre verranno valutate giorno dopo giorno. Gennaio è anche tempo di calciomercato, e dalla Cina arrivano voci che spaventano i tifosi gialloblu.

CHIEVO: REPORT ALLENAMENTO

Lunedì i giocatori del Chievo si sono ritrovati a Veronello per riprendere gli allenamenti in vista del match casalingo contro i nerazzurri di Gasperini. Dopo un iniziale lavoro in palestra sono passati alle esercitazioni tecniche con torelli, proseguendo con possesso palla con tempi di smarcamento e concludendo con una partita da area ad area. Martedì la seduta è cominciata con una fase di riscaldamento e una serie di lavori di reattività proposti dal Prof. Roberto De Bellis. Poi esercizi di tecnica a coppie, tiri in porta ed esercitazioni sulla fase difensiva di squadra e a reparto, prima della partita finale a tema da area ad area. Mercoledì, dopo il classico lavoro iniziale in palestra, sono stati svolti esercizi di tecnica a coppie e sviluppi offensivi di squadra, con una partita a pressione a terminare la giornata.

CHIEVO: REPORT INFORTUNATI

– Cacciatore: continua a sentire fastidio ad un dito del piede sinistro, nulla di particolarmente grave ma quanto basta per non permettergli di allenarsi a dovere. In dubbio la sua presenza domenica.

– Gobbi: l’ex Parma ha recuperato dalla frattura alle costole ed è tornato ad allenarsi coi suoi compagni. Partirà dall’inizio contro l’Atalanta.

– Sardo: per lui i problemi muscolari sono più seri del previsto, per un po’ di tempo sarà costretto a stare lontano dai campi.

– Izco: il suo problema all’adduttore sinistro è meno grave di quelle che erano le prime indicazioni. Tra un paio di settimane tornerà a disposizione.

– Hetemaj e Castro: le loro condizioni migliorano giorno dopo giorno, l’argentino farà parte dell’undici titolare di domenica, mentre il finlandese resta in dubbio e le sue condizioni verranno valutate nei prossimi allenamenti.

– Rigoni: si sta trascinando un problema muscolare ad un polpaccio, molto probabilmente non sarà disponibile per il prossimo incontro.

CHIEVO: REPORT MERCATO

Già da qualche giorno si parla di un’offerta arrivata dalla Cina per Birsa: il Changchum Yatai sarebbe pronto a versare nelle casse gialloblu 5 milioni di euro per assicurarsi le prestazioni del trequartista sloveno. L’offerta è stata però ritenuta inadeguata, la società veronese non ha necessità di vendere: dunque Birsa partirà solo in caso di offerte veramente difficili da rispedire al mittente. Lo stesso discorso vale per Castro, finito nelle mire prima del Torino e poi della Roma, con i giallorossi che hanno virato su altri obiettivi a causa delle rischieste elevate della società veneta.
Chi lascerà, momentaneamente, Verona è Costa, terzino sinistro poco utilizzato da Maran: andrà alla Spal in prestito. Per prendere il suo posto nella rosa il Chievo sta pensando a Duarte, giovane difensore classe 1985 dell’Espanyol.
Per l’attacco circolano tanti nomi, ma prima di pensare ad un acquisto in questo reparto bisogna vendere. Parigini sta destando l’interesse di molti club di serie B, mentre Floro Flores ha smentito le voci che lo davano vicino a firmare per il Pisa.

CHIEVO INTERVISTE: DAINELLI

Dario Dainelli ha rilasciato un’intervista al quotidiano l’Arena: Elisir di lunga vita? Non c’è alcun segreto. I miei compagni mi prendono in giro proprio perché non mi privo di nulla. Qualcosa bisogna pur concedersi. Fuori dal campo non bisogna esagerare ed essere sempre professionali, quello è chiaro. D’accordo il sonno, d’accordo non bere eccessivamente, ma quel che conta alla fine è il benessere psicofisico. Ci sta un bicchiere di vino così come vedere un film fino a tardi se poi c’è il giusto momento di recupero. Ci sono sport molto più specifici e fisici, penso a discipline come ciclismo e atletica, in cui nella preparazione alla gara non puoi concederti nulla. Il calcio è diverso, per fortuna c’è la palla con noi. Conta molto la sicurezza in te stesso e quella te la dà una serenità che ognuno raggiunge a modo suo. Anche nella vita è così, non solo nello sport. Atalanta? Loro avranno entusiasmo e freschezza, noi ci metteremo le qualità che ti danno l’esperienza e la consapevolezza in quel che stiamo facendo. Di sicuro l’Atalanta ha tanti giovani davvero interessanti. Sono curioso di vedere da vicino Caldara, dalle partite che ho guardato in televisione mi sembra un ottimo difensore. Dal campo però si vede anche quello che dalla tv fai fatica a percepire. C’è soprattutto lo stimolo e la voglia di confrontarsi con chi, dopo una partenza difficile, adesso sta facendo benissimo. L’Atalanta è una di quelle squadre di valore, ma in fondo alla nostra portata. Per di più giochiamo in casa. Gasperini è stato mio allenatore al Genoa, so come vuole si giochi. Con la voglia di attaccare sempre in avanti e di voler fare la partita. Sarà dura.
Se andiamo a vedere le partite in cui qualcosa per strada abbiamo lasciato chiaro che un po’ di rammarico ci sia. Alla fine però i punti che hai sono quelli che veramente ti sei meritato. Della seconda parte dell’anno sono contento, della prima un po’ meno dopo l’infortunio ai legamenti. Me la sono vista brutta, per fortuna il recupero è stato ottimo. Ma ho avuto il timore di non riuscire a tornare quello che ero prima di farmi male.
Il mio rendimento? Non mi sembra di aver fatto nulla di particolare. All’inizio della stagione, dopo l’infortunio, era logico avere dei dubbi così come era normale che all’inizio della preparazione io venissi dietro agli altri. Noi centrali siamo in fondo tutti sullo stesso livello, non a caso il mister finora ci ha ruotato parecchio.
Futuro in Cina per Birsa? Per scoraggiarlo gli facciamo delle battute nello spogliatoio. Scherzi a parte, spero tanto che rimanga qui con noi.
Scudetto?
Ora come ora però sembra proprio che il campionato solo la Juventus possa vincerlo. E anche con una certa tranquillità: è dura che non succeda, ma il calcio è bello proprio perché certe convinzioni possono essere sconvolte in un attimo”.

FANTAPILLS

fantapills_03– Sorrentino: il Chievo ha la terza miglior difesa del Campionato, e l’Atalanta in trasferta trova maggiori difficoltà ad andare in rete rispetto alle partite casalinghe. In una partita da under come questa il portiere gialloblu è da schierare.

– Frey: si troverà di fronte el Papu Gomez, si prevede un pomeriggio di passione per il terzino francese.

– De Guzman: l’ex Napoli si sta pian piano calando nella realtà Chievo, l’aver trovato un po’ di continuità grazie all’infortunio di Hetemaj lo sta aiutando ad entrare nei meccanismi di squadra. Partirà nuovamente dal primo minuto, e visto l’emergenza a centrocampo dell’Atalanta potrebbe essere la sua partita.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy