Casa Chievo: prova tv per Maran, la società presenterà ricorso

Report del giovedì: tutte le ultime news dalla sede gialloblu.

di Stefano Civini

Il Chievo torna ad allenarsi in vista dell’impegno di domenica alla Dacia Arena contro i padroni di casa dell’Udinese. La partita contro la Lazio non ha lasciato in eredità nessun problema per gli uomini di Maran, ma altrettanto non si può dire per il Mister gialloblu, squalificato per una giornata dal giudice sportivo.

CHIEVO: SQUALIFICATO MARAN

Un fulmine a ciel sereno ha colpito oggi Veronello e in particolare il Mister Rolando Maran quando sono state emesse le sentenze del giudice sportivo. Nel comunicato si legge che “…considerato che il Sig. Rolando Maran, allenatore del Chievo Verona, dopo la segnatura di un gol da parte della squadra avversaria, imprecando senza rivolgersi ad alcuno dei presenti, veniva, tuttavia, chiaramente inquadrato dalle riprese televisive mentre proferiva espressione blasfema, articolata in due locuzioni, individuabili dal labiale senza margini di ragionevole dubbio, e che, pertanto, tale comportamento deve essere comunque sanzionato ai sensi dell’art. 19, comma 3bis, lett. a), e della richiamata normativa sulla prova televisiva; P.Q.M. delibera di sanzionare l’allenatore Rolando Maran (Soc. Chievo Verona) con la squalifica per una giornata effettiva di gara”. 

La società, attraverso un comunicato sul proprio sito ufficiale, ha già fatto sapere che farà ricorso contro la squalifica.

CHIEVO INTERVISTE: DAINELLI

Dario Dainelli è stato raggiunto dai microfoni della trasmissione radiofonica ‘Casa Chievo’: “Con la Lazio bravi in difesa? Siamo stati attenti e concentrati. Sapevamo della forza degli attaccanti che avevamo di fronte. Ma non è stato solo un lavoro della difesa. Ad aiutare il reparto ci hanno pensato un po’ tutti i compagni, dai centrocampisti agli attaccanti. Al momento è un buon campionato, son passate solo 3 giornate e dove possiamo recriminare è solo a Firenze. Nel secondo tempo potevamo pareggiare. Il gol preso è stato su calcio da fermo ed è un peccato perché era abbastanza prevedibile“. Sul suo stato di forma: “Fisicamente sto bene e son contento di poter dare una mano alla squadra. Sono uno dei ‘vecchietti’ per cui, rispetto agli altri, voglio dimostrare che posso dare ancora qualcosa e che non sono finito“.

Sul Chievo 2016/17: “Cosa c’è di diverso? Quando si riparte non è mai uguale. L’aspetto psicologico conta tantissimo. Gli equilibri son sottili. Di base, il gruppo è rimasto il solito e conosciamo il lavoro del Mister. Ma non è un bene cullarsi su questi aspetti. Il conoscersi è un vantaggio, ma anche uno stimolo a fare sempre di più“.

Sul gol di Gamberini: “Ha fatto davvero una gran rete e poteva farne pure un’altra. Sulle palle da fermo stiamo lavorando davvero bene e questi sono i frutti. Azioni così ci hanno permesso di sfiorare la vittoria“.

Sulle eventuali battute d’arresto: “Ora le cose stanno andando bene, ma prima o poi affronteremo anche i momenti difficili. L’importante sarà reagire subito. Un campionato agevole non deve diventare complicato“.

Sui giovani della rosa: “E’ giusto che arrivino. Il loro entusiasmo ci è utile. Hanno bisogno di tempo, ma è normale. Quando ne trovi molti con valori tecnici e morali è importante che vengano subito inseriti. Poi è compito del Mister valorizzarli“.

Sull’allenatore Maran: “Da quando il Mister è arrivato ha fatto molto bene. L’anno scorso poi è stato grandioso. Ormai ci conosciamo e questo aiuta. Vogliamo proseguire su questa strada“.

Sull’Udinese prossimo avversario: “E’ un’ottima squadra. L’ha dimostrato battendo il Milan. Ha qualità e forza. Sarà difficile anche perchè giocheremo alla Dacia Arena, uno stadio che finalmente potrò vedere completato. Noi però non partiremo timidi e ci proveremo come sempre“.

CHIEVO: LA FORMAZIONE ANTI-UDINESE

Domenica a Udine ci sarà la prima delle tre partite che verranno giocate in una settimana, a causa del turno infrasettimanale. Maran è solito fare molto turnover in queste occasioni, spalmandolo sui tre impegni, per cui potrebbero esserci parecchie novità di formazione già per la trasferta in terra friulana.

Sorrentino sarà regolarmente al suo posto, e su questo non ci sono dubbi. La coppia di centrali potrebbe vedere protagonisti Gamberini, a segno contro la Lazio, e Cesar, lasciato a riposo con i capitolini per via degli impegni con la sua Nazionale. Tuttavia, Dainelli sta attraversando un buon momento di forma e non sarà facile privarsene. Altrettanto si può dire per Cacciatore, forse il migliore del Chievo per costanza di rendimento in questo inizio di stagione. Maran difficilmente vorrà fare a meno delle sue scorribande sulla fascia, ma potrebbe trasferirlo a sinistra per lasciare spazio a Frey sulla destra, concedendo un turno di riposo a Gobbi.

A centrocampo scalpita Rigoni, vero jolly che potrebbe giocare in qualsiasi posizione della mediana gialloblu. A fargli posto potrebbe essere Radovanovic, ma il serbo è ben visto da Maran, per cui non è detto che alla fine sia uno tra Hetemaj e Castro a finire in panchina a favore di Rigoni. Anche sulla trequarti potrebbero esserci novità: De Guzman chiede spazio e le sue quotazioni per questa giornata sono in ascesa a discapito di un Birsa apparso in leggero calo dopo l’inizio di Campionato col botto.

In attacco dovrebbe ricomporsi la coppia MeggioriniInglese, dopo che quest’ultimo era partito dalla panchina contro la Lazio. Floro Flores sta sempre meglio, ma sembra ancora presto perché lo si possa vedere dall’inizio. Potrebbe però mettere minuti nelle gambe in vista di un maggior utilizzo nei prossimi impegni ravvicinati.

FANTAPILLS

fantapills_03– Cacciatore: conferma di essere in un gran momento di forma e nell’ultima partita è andato vicino al gol su calcio d’angolo. Chi ce l’ha in rosa batta il ferro finché è caldo: il momento della Cacciadance è vicino.

– Difensori centrali: anche loro come Cacciatore riescono ad essere molto pericolosi sui calci da fermo. Dainelli ha detto che negli allenamenti stanno lavorando molto sui piazzati, e in una squadra che fatica a segnare non è una cattiva idea provare a sfruttare i centrali bravi di testa. A Udine non sarà facile, ma si può provare a schierarli.

– De Guzman: sembra arrivato il suo momento, il ragazzo ha voglia di stupire e dimostrare di poter dire la sua. E’ un buon portatore di bonus, per cui chi l’ha preso (magari in coppia con Birsa) può rischiare questa scommessa.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy