Casa Cagliari: finisce 16-0 la prima amichevole

Inizia con una goleada la nuova avventura del Cagliari nella massima serie.

di Andrea Riefolo, @Andrea_Rie2

Inizio soft per la squadra di Rastelli, che passeggia sull’ U.S. Pieve di Bono, squadra di prima categoria trentina, vincendo per 16-0. Amichevole comunque importante per tastare la condizione fisica dei giocatori dopo la prima settimana di ritiro e soprattutto per mettere in pratica le varianti tattiche provate in allenamento. Non hanno partecipato all’amichevole Dessena e Sau a riposo precauzionale e il lungodegente Melchiorri.

CAGLIARI – U.S. PIEVE DI BONO = 16-0

Cagliari primo tempo
CAGLIARI (4-3-1-2): Storari; Padoin, Salamon, Capuano, Murru; Tetteh, Di Gennaro, Ionita, Joao Pedro; Farias, Gianneti. All. Rastelli.

Cagliari secondo tempo
CAGLIARI (4-3-1-2): Rafael; Pisacane, Ceppitelli, Krajnc, Russu; Tetteh (Vasco Oliveira), Munari, Deiola, Pajac, Capello, Cop. All. Rastelli.

Marcatori: Joao Pedro (3), Giannetti (2), Tetteh, Di Gennaro, Farias, Deiola (2), Capello (2), Pajac (2) , Cop e un autogol.

Prima amichevole stagionale nel ritiro di Pejo per il Cagliari di Massimo Rastelli. Cagliari, che, complice la notevole differenza tecnica tra le due squadre, parte subito forte, e si porta in vantaggio al 10′ con un rigore di Joao Pedro, brasiliano che poi andrà a segno altre due volte nel corso della partita. Il primo tempo finirà 8-0 con la doppietta di Giannetti e i gol di Farias Di Gennaro e Tetteh, in grande evidenza. Nel secondo tempo Rastelli decide di cambiare completamente gli 11 effettivi, ad eccezione del giovane ghanese. I ritmi diventano più blandi, ma questo permette comunque al Cagliari di segnare altri 8 gol grazie alle doppiette di Deiola, Capello e Pajac, al gol di Cop e ad un autogol degli avversari. Da segnalare a metà secondo tempo, il passaggio al 3-5-2 con l’ingresso di Vasco Oliveira al posto di Tetteh.

SPUNTI CALCISTICI E FANTACALCISTICI

Joao Pedro diventa sempre più incisivo sottoporta e in più sarà il rigorista designato, come dimostrato oggi.

Farias è apparso sottotono e ancora troppo attaccato agli individualismi.

– Con la partenza di Balzano, Padoin sembra essere la prima scelta come terzino destro. Ma, con ogni probabilità, arriverà qualcun altro dal mercato.

Pajac è stato provato nel ruolo di Joao Pedro, ha un buon piede e nel secondo tempo ha battuto tutti i calci piazzati.

Tetteh ha sorpreso tutti, disputando una grande partita e dimostrando di poter essere all’altezza della prima squadra. Essendo un classe ’99 potrebbe essere un ottimo acquisto se si gioca con la Primavera. Il rischio è che venga lasciato partire in prestito in una squadra di Lega Pro per fare esperienza da titolare.

– Rastelli ha provato negli ultimi 20 minuti il 3-5-2, dichiarando di poter essere un modulo da usare in determinate partite.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy