Cagliari, Maran è il nuovo allenatore

Arriva nel primo pomeriggio l’annuncio ufficiale del Cagliari Calcio: Maran firma un contratto che lo legherà alla squadra sarda fino al 2020.

di Andrea Riefolo, @Andrea_Rie2

Il Cagliari Calcio è lieto di annunciare l’ingaggio di Rolando Maran, a cui sarà affidata la guida tecnica della prima squadra a partire dal prossimo 1° luglio sino al 30 giugno 2020. Il neo allenatore rossoblù è nato a Trento il 14 luglio 1963. La sua carriera da calciatore si è sviluppata quasi interamente tra le fila del Chievo Verona: difensore centrale, ha collezionato 280 presenze e 11 gol, dal 1986 al 1995. Il suo primo incarico da tecnico lo vede vice allenatore al Chievo, poi del Brescia; passa quindi nelle giovanili del Cittadella. Proprio in Veneto, nel 2002, prende in mano le redini della prima squadra, incarico che manterrà sino al 2005. Seguono le esperienze sulle panchine di Brescia, Bari, Triestina, Vicenza e Varese. Nel 2012 diventa allenatore del Catania, conquistando l’ottavo posto in classifica e ottenendo il record di punti in Serie A della squadra etnea (56). Nel 2014 torna nel club che lo ha visto protagonista da calciatore, il Chievo: quattro stagioni di fila nella massima serie, con il nono posto raggiunto nella stagione 2015-16. Allenatore esperto, con 201 panchine in Serie A, Maran è un tecnico duttile che grazie alle sue qualità sa esaltare le caratteristiche della rosa a disposizione“.

CAGLIARI: COME GIOCHERÀ MARAN

L’allenatore trentino fa del 4-3-1-2 il suo modulo tipo, modulo che ha dato tanto in questi ultimi 10 anni al Cagliari e che tende ad esaltare le doti del trequartista: Joao Pedro sarà uno degli acquisti più importanti ha detto Carli durante la conferenza di presentazione. In carriera ha comunque saputo sempre organizzare la squadra in base ai giocatori a disposizione, come ha dimostrato a Catania nel 2012, quando con un 4-3-3 rapido e fantasioso è riuscito a portare la squadra siciliana all’ottavo posto in classifica con record di punti.

Non si può quindi considerare Maran un allenatore difensivista, come spesso descritto per via delle ultime stagioni al Chievo Verona, ma più che altro un allenatore che ha saputo fare “buon viso a cattivo gioco” con i mezzi a disposizione per ottenere la salvezza. Le squadre di Maran fanno del pressing la loro arma principale, caratteristica insita nel campioncino sardo Barella che Maran spera di poter allenare il prossimo anno: Sogno di costruire un Cagliari con Barella in campo.

I tifosi non vedono l’ora di vedere il Cagliari di Maran all’opera, sperando possa veramente essere propositivo e divertente come annunciato in conferenza. In bocca al lupo mister.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy