Conferenza Bologna – Donadoni: “Helander e Pulgar indisponibili. Domani voglio gente tosta”

Il pensiero del tecnico rossoblu sulla partita contro la Fiorentina e sui suoi giocatori.

di Matteo Di Sabatino

Tutto pronto per il derby dell’appennino, il Bologna e la Fiorentina sono a caccia della terza vittoria consecutiva; ecco le parole di Donadoni in merito alla partita.

GLI INDISPONIBILI

“A parte Helander infortunato e Pulgar non ancora rientrato dal Cile, gli altri sono tutti disponibili”.

DONADONI E LA FORMAZIONE

“Oggi voglio capire quali siano i giocatori più freschi, perché sarà importante fare una bella prestazione contro la Fiorentina, al di là di quello che può essere stato lo sforzo fisico profuso da ognuno di loro nelle amichevoli o nelle partite di qualificazione. Ho avuto buone risposte giocando a tre dietro, mi piace l’idea ma non ho ancora deciso. Vorrei schierare una formazione che mi permetta di passare da un modulo all’altro anche in corso d’opera, quindi con giocatori duttili. In passato è una cosa che ho già fatto e so che richiede un lavoro particolare agli esterni sulle due fasi di gioco.”

DONADONI E L’ESORDIO DI VERDI

“L’esordio in Nazionale è stato un bel messaggio per Verdi, respirare quell’aria e vestire quella maglia fa bene. Sono contento per lui e credo che tutto dipenda dal lavoro svolto in settimana e quanto successo servirà da stimolo per fare ancora meglio.”

DONADONI E LA CRESCITA DEL GRUPPO

“Forse la parole crescita non è il termine giusto da usare; mi aspetto che ci sia la convinzione di continuare a mettere in mostra ciò che si è visto nelle ultime due partite, poi penso che la crescita sia una naturale conseguenza. Bisogna andare in campo consapevoli di ciò che si può fare; noi dobbiamo essere bravi a creare e non solo a limitare le capacità dell’avversario, che sono ottime ovviamente. Il divertimento passa attraverso il gusto di correre, di recuperare, di fare, solo così si può vedere una squadra che ha piacere nel fare le cose.”

DONADONI TRA PRESENTE E FUTURO

“Ci auguriamo tutti che il Bologna possa diventare competitivo come la Fiorentina, anche se loro sono abituati da tempo a giocare in Europa. Il mio obiettivo, che penso sia quello un po’ di tutti, è quello di crescere. Si cresce attraverso dirigenti che hanno lo stesso desiderio, con un allenatore capace, ma non solo. Sono sicuro che la progressione avverrà, è un augurio che mi faccio personalmente, anche pensando all’entusiasmo dei tifosi. Vorrei però che non ci si scordasse dove era il Bologna qualche anno fa e tutto quello che Saputo ha portato. Serve un tempo adeguato. Essere parte integranti di questo processo è stimolante per tutti. Il Bologna, da quando è arrivato Saputo, ha impostato un percorso di crescita continua, l’anno prossimo vorremmo fare qualcosa di meglio, ma non basta dirlo, servirà una rosa che permetta di fare questo ragionamento. Vedremo come finirà il campionato e poi pianificheremo la stagione.”

DONADONI ED IL RINNOVO DEL CONTRATTO

“ Ci vuole equilibrio, in un mese si è passati dai discorsi sull’esonero al rinnovo. Il discorso sul contratto è semplice: per me è importante ora finire la stagione. Non ho nessuna furia nel prolungare a tutti i costi, ma mi preme capire che tipo di percorso si può fare. Il contratto viene di conseguenza. Ci si mette davvero 5 minuti ad accordarsi.”

DONADONI ED IL FUTURO DI ALCUNI GIOCATORI

“Il finale di stagione deve dare stimoli e infondere carattere nei giocatori per agevolare il lavoro della dirigenza in fase di mercato. Un ‘ni’ di oggi può diventare un ‘no’ definitivo ma anche un ‘si’ convinto. Se capisci che c’è margine di crescita allora si può guardare avanti, se invece senti che un ragazzo non può dare nulla di più allora si fanno ragionamenti diversi anche prendendosi qualche rischio. Ad esempio qui ci sono tanti giovani al primo anno come Verdi, Di Francesco, Nagy e Krejci. Ma anche ragazzi come Masina che l’anno scorso ha avuto un finale difficile e poi si è ripreso. E poi ancora Donsah e Pulgar.”

Questa la lista dei convocati per la trasferta di Firenze;

Portieri: Da Costa, Mirante, Sarr

Difensori: Gastaldello, Krafth, Maietta, Masina, Mbaye, Oikonomou, Torosidis

Centrocampisti: Donsah, Dzemaili, Nagy, Taider, Valencia, Viviani

Attaccanti: Destro, Di Francesco, Krejci, Petkovic, Sadiq, Verdi

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy