Bologna: è emergenza difesa per Donadoni

Bologna: è emergenza difesa per Donadoni

Nella retroguardia rossoblu uomini contati per mister Donadoni, che deve anche fare i conti con le defezioni in attacco.

di Matteo Di Sabatino

Per il Bologna purtroppo non giungono solo buone notizie da Crotone: in soli 13 minuti, Roberto Donadoni ha dovuto rinunciare prima a Torosidis, che ha accusato un fastidio allo psoas ed ha abbandonato il campo in via precauzionale, e poi a capitan Gastaldello per cui è stato ipotizzato uno stiramento al gluteo. Si attendono notizie più precise su entrambi, ma per il Capitano si teme uno stop fino a due settimane, mentre per il greco i tempi di recupero dovrebbero essere più brevi. A loro si aggiunge anche Helander, che nella scorsa settimana ha lavorato a parte e il cui recupero pare ancora indefinito.

BOLOGNA TRA EMERGENZA DIFESA E CALCIOMERCATO

Questa situazione comporta dunque scelte di mercato obbligate.

Per esempio, Oikonomou, a cui la Sampdoria non ha completamente rinunciato, non potrà partire fin quando l’emergenza centrali non sarà passata.

Discorso leggermente diverso per Mbaye, su cui la società ha compiuto un investimento importante: la non titolarità di Krath nelle ultime giornate e l’assenza di Torosidis potrebbero regalargli una nuova chance sulla destra.

Continuano intanto i colloqui per Ranocchia e Janicki, con il secondo in pole position visto l’ingaggio più abbordabile rispetto al primo.

BOLOGNA: LA SITUAZIONE IN ATTACCO

Se la difesa piange, l’attacco rossoblu di certo non ride. Per il momento la dirigenza bolognese ha congelato il trasferimento di Floccari alla Spal, visto che il rientro di Sadiq appare ancora lontano ed il nuovo arrivato Petkovic non sarà arruolabile fin quando non avrà risolto il problema alla spalla. Un raggio di speranza giunge da Simone Verdi che ha iniziato nuovamente ad allenarsi in gruppo e potrebbe essere già convocato per la sfida al Torino.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy