Attacco Atalanta: la posizione di Gomez, l’effetto Zapata e la situazione di Ilicic e Barrow

Attacco Atalanta: la posizione di Gomez, l’effetto Zapata e la situazione di Ilicic e Barrow

Facciamo il punto sula situazione del reparto avanzato dell’Atalanta analizzando posizione e rendimento dei singoli.

di Redazione Fantamagazine

Dopo un avvio choc in campionato, l’Atalanta di Gasperini ha ricominciato ad ingranare ed è appena arrivata l’ultima prova convincente in casa, contro la Lazio. Ogni anno il tecnico piemontese è alla ricerca di nuovi equilibri per il suo sistema di gioco, gli interpreti cambiano e così, a loro volta, vengono affidati nuovi compiti ai giocatori in rosa. La difesa rimane pressoché intoccata, ma la situazione sugli esterni e in particolare nel reparto avanzato ha cambiato il rendimento di alcuni singoli in ottica Fantacalcio.

Qui ci soffermiamo sui meccanismi del reparto avanzato della Dea e di come i cambiamenti apportati da Gasperini abbiano cambiato l’apporto dei suoi uomini di punta.

ATTACCO ATALANTA: LA POSIZIONE DI GOMEZ

Non è più il Papu a cui eravamo abituati, è vero. Doppietta all’esordio, i goal alla 5a e alla 12a giornata, poi pochissimi bonus. Il suo scarso bottino, però, è frutto della nuova posizione in campo che gli ha affidato Gasperini: nel 3-4-2-1 della Dea non è più l’addetto a dare maggiore ampiezza all’azione, ma rimane centrale, in modo da fluidificare le trame di gioco all’interno del campo.

Qui di seguito riportiamo un estratto di una sua intervista in cui parla del suo nuovo ruolo.

«Il mister con me è stato molto chiaro. In questo momento sono l’unico che può ricoprire quella posizione, perché nessuno è riuscito a “fare il Cristante”. Per me è un ruolo difficile, perché devo dare una mano anche in fase difensiva. Non posso guardare solamente davanti, altrimenti lasceremmo per gli avversari un uomo libero di portare palla. Gioco lontano dalla porta, ma per me va benissimo così. Devo ancora imparare, perché a volte con squadre che si chiudono, faccio fatica a trovare lo spazio. Insomma, ora il mister non mi chiede principalmente di segnare, ma di dare qualità all’intera manovra».

Anche dalle parole del Papu Gomez si evince che ricopre quella posizione più per necessità che per le sue caratteristiche tecniche. Il buco lasciato da Cristante non è stato colmato da Pasalic e il capitano della Dea è l’unico in grado di adattarsi a quei compiti. Anche i dati lo dimostrano: nell’ultimo impegno con la Lazio ha recuperato 4 palloni e ne ha persi due. Una prestazione da centrocampista aggiunto, insomma.

ATTACCO ATALANTA: L’EFFETTO ZAPATA

In estate è arrivato alla corte di Gasperini l’attaccante che aspettava da anni. Duvan Zapata ci ha messo qualche mese per farsi apprezzare anche in ottica bonus, ma nelle ultime giornate si è rivelato una sentenza: secondo i dati Opta, con cinque tiri nello specchio ha realizzato cinque goal. “Numeri da Piatek“.

Inoltre, con i voti di Gazzetta dello Sport, non prende un’insufficienza dal 29 settembre, e prima ancora aveva preso solo un 4,5.

Il sistema di Gasperini ora è pienamente collaudato per supportare l’attaccante colombiano. L’arretramento di Gomez e la poca costanza di Ilicic fanno di lui la principale arma da fuoco dei bergamaschi. Nelle ultime tre partite ha messo la firma su tutti i goal della squadra, quindi, pare che ormai siano chiare le conseguenze dell’effetto Zapata: la squadra è orientata a renderlo il miglior finalizzatore possibile.

ATTACCO ATALANTA: ILICIC AD INTERMITTENZA 

Il fatto che il suo rendimento sia stato spesso e volentieri altalenante, è una caratteristica che ha sempre contraddistinto il fantasista sloveno. Tuttavia, nella passata stagione sembrava aver trovato il giusto equilibrio con la formazione bergamasca, realizzando al termine del campionato ben 11 gol.

Quest’anno invece, l’infezione nella zona della mandibola destra aveva compromesso gran parte della preparazione atletica e soprattutto i preliminari di Europa League, giocati tra luglio ed agosto.

Ora, l’ex Palermo e Fiorentina sta cercando pian piano di ritrovare la forma migliore, con la speranza di ripetere l’exploit avuto nella gara contro il Chievo, gara in cui realizzò una tripletta, dopo una prestazione più che importante. La sua titolarità non è in discussione, specialmente per demeriti di chi, in alcune gare, ha dovuto sostituirlo.

ATTACCO ATALANTA: BARROW E RIGONI A CORTO DI CHANCE

Nelle ultime 8 partite, l’Atalanta ha raccolto ben 6 vittorie e appena 2 sconfitte. Ma per un Zapata che sale, ci sono due giocatori − Barrow e Rigoni − che scendono. L’attaccante gambiano ha sfruttato nel peggior modo possibile le occasioni concesse dal tecnico, nel momento in cui Zapata sembrava tutto, fuorché una punta.

Ora che il colombiano ha iniziato a segnare, il giovane attaccante classe 1998 potrebbe avere ancora meno spazio, se non da subentrante. Discorso simile per l’ex Zenit, titolare in sole 6 occasioni, capace di realizzare comunque 3 gol.

Il mister pare puntare deciso su Ilicic e, salvo ribaltoni clamorosi nelle gerarchie, anche per lui potrebbero presentarsi pochissime occasioni. Non a caso a gennaio potrebbe esserci qualche novità nel prossimo mercato per l’argentino.

Articolo a cura di Riccardo Corsano & Matteo Previderio

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy