Portiere, non è (solo) un ruolo per vecchi

Portiere, non è (solo) un ruolo per vecchi

di Lorenzo Casciscia

Nel calcio vince chi segna. Vero. Riguardando però le classifiche degli ultimi 10 anni di serie A, notiamo che solo in una circostanza la squadra che ha vinto il campionato non è stata anche quella con  la miglior difesa. Era la stagione 2006/2007, l’Inter si era aggiudicata il primo scudetto del dopo “Calciopoli”, ma la porta a risultare meno battuta fu quella laziale con 33 reti subite contro le 34 della squadra neroazzurra. Pochi ruoli sono in grado di spostare in maniera cosi netta gli equilibri di una squadra, figuriamoci di una fantasquadra!  In un ruolo storicamente considerato appannaggio di giocatori calcisticamente maturi, una serie di giovani dal sicuro avvenire ha attirato su di se i riflettori della nostra Serie A, scatenando gli interessi delle Big Italiane (e dei fantallentaroi più attenti). Il nome più interessante, con una media voto superiore al 6.5, è sicuramente quello di Mattia Perin, che già da due stagioni difende la porta del Genoa. 

Mattia Perin, miglior portiere della Serie A per FM
In questa stagione Perin si sta confermando il miglior portiere della Serie A per FM
A soli 22 anni l’estremo difensore originario di Latina, può già vantare più di 90 presenze in serie A e nonostante lo schermo di una difesa non proprio impenetrabile, mantiene una Fanta Media superiore rispetto a quella di tanti  altri colleghi quali Marchetti, De Sanctis e Viviano (che hanno per altro subito una decina di gol in meno a testa). Un altro nome salito alla ribalta nel corso dell’ultima stagione, è quello di Marco Sportiello. Alla prima stagione da titolare, il portiere della Dea ha dimostrato una costanza e un’affidabilità poco comuni ad un ventiduenne.  Anche in questo caso, nonostante i ben 47 gol incassati, Sportiello detiene un Fanta Media superiore ai ben più quotati (e meno battuti) Consigli, Neto e Diego Lopez. Marco si è inoltre dimostrato un ottimo pararigori neutralizzando i tentativi dagli 11 metri di due attaccanti del calibro di Palacio ed Higuain. 
"Non c'è niente di più umiliante di vedersi parare un rigore da un portiere così cretino da non capire la finta"
“Non c’è niente di più umiliante di vedersi parare un rigore da un portiere così cretino da non capire la finta” G.M.
Un altro giovane portiere salito alla ribalta in questa stagione è stato il classe ’91 Luigi Sepe che ha difeso con ottimi risultati la porta del sorprendente Empoli di mister Sarri. L’estremo difensore campano ha completato in maniera perfetta il reparto difensivo composto dagli ottimi Tonelli e Rugani subendo “solo” 32 gol e registrando una MV di 6.10. Al contrario dei sopracitati colleghi i cui nomi vengono solamente accostati a quelli delle Big del nostro campionato, Sepe ha già avuto la sua grande opportunità. Il portiere ha infatti firmato un contratto che lo legherà al Napoli fino al 2019 dimostrando a tutti che no, questo non è (solo) un ruolo per vecchi   

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy