Fantacalcio Mantra, le novità: ruoli e moduli

Alla scoperta delle prime novità del Mantra per la stagione 2016-2017

di Pasquale Parente

Mentre tutti i fantallenatori d’Italia iniziano a soffrire di astinenza da fantacalcio, ecco una prima anticipazione della stagione che verrà con i nuovi moduli del fantacalcio Mantra di Fantagazzetta. Rispetto allo scorso anno le novità, sia in termini di nuovi ruoli che in termini di composizione dei moduli, sono parecchie. Vediamole insieme.

MANTRA, UN NUOVO RUOLO: “E”

A due anni di distanza dall’introduzione della M, la novità più evidente riguarda la scomparsa dei ruoli CD e CS e l’introduzione di un generico E per il ruolo di esterno di centrocampo. Quella che a prima vista può sembrare una semplificazione, in realtà rappresenta un piccolo vantaggio a favore dei moduli a tre difensori, storicamente meno appetibili: mentre nei moduli con le difese a quattro rimane la distinzione tra DD e DS (con i relativi accorgimenti da adottare in sede d’asta nella composizione della rosa), in quelli a tre difensori è possibile schierare gli esterni (ma anche DD o DS se accompagnati alla E) indifferentemente a destra e sinistra senza incappare nei malus.

Un piccolo vantaggio, ancora più evidente con la nuova composizione dei moduli.

COSA CAMBIA NEI MODULI

Avendo sempre reso il Mantra uno specchio fedele della realtà, lo staff di Fantagazzetta ha recepito la presenza (sia nella Juve di Allegri che nell’Italia di Conte) di un’ala offensiva nel 3-5-2, inserendo  in questo modulo una W a scelta tra i due esterni (da qui anche la scelta di unificare CD e CS). Di contro, per non rendere il modulo troppo offensivo, è stata resa obbligatoria una M tra i tre centrocampisti centrali.

Un’altra novità per le W riguarda anche i moduli 4-3-3 e 3-4-3, dove è possibile schierare le W nei tridenti d’attacco in alternativa alle A.

L’aumento esponenziale delle W nei moduli Mantra è stato in parte bilanciato prevedendo lo schieramento della la sola T come trequartista nei moduli 4-3-1-2, 3-4-1-2 e 4-4-1-1. Quest’ultima modifica, che rappresenta un ritorno alle origine del sistema Mantra, è dovuta proprio alla necessità di non rendere la W un ruolo troppo spendibile e di aumentare l’appetibilità delle T.

Nessun cambiamento rilevante, infine,  per l’utilizzatissimo 4-4-2 (a parte l’introduzione delle E) e il 4-2-2-2 che rimane l’unico modulo dove poter schierare contemporaneamente tutti e quattro i ruoli offensivi (W, T, A, PC).

UN PRIMO BILANCIO E’ POSSIBILE?

Sicuramente tutte queste novità aumentano ancora di più le variabili e le opzioni in sede d’asta, rendendo il gioco sempre più avvincente soprattutto per le leghe più numerose.

Come nella realtà  i moduli a tre difensori dovrebbero continuare ad essere i meno utilizzati, anche se è ipotizzabile un utilizzo maggiore con l’introduzione della E e il nuovo 3-5-2. Di contro l’impossibilità di schierare le W dietro le punte abbassa l’appetibilità dei moduli con il trequartista, specie il 4-3-1-2 storicamente tra i più utilizzati assieme al 4-4-2 e il 4-3-3.

Tuttavia in assenza dell’assegnazione dei ruoli è impossibile dare un giudizio definitivo. Restiamo in attesa dell’uscita delle liste, per tutti gli approfondimenti che troverete qui su Fantamagazine e su Gruppo Esperti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy