Lorenzo Insigne: Scheda Estiva Fantacalcio

Stagione record per Il Magnifico. Si è trattata della definitiva consacrazione e trasformazione in Top?

di Riccardo Cerrone, @riki171980

L’eterna promessa si è finalmente realizzata: Lorenzo “il Magnifico” Insigne ha spazzato via tutti i dubbi che ruotavano attorno al suo valore con una stagione 2016-2017 assolutamente da record. Gol e assist nelle vesti di trascinatore in campo di un Napoli che ha dimostrato di avere più leader carismatici oltre al capitano Hamsik  e di essere diventato, grazie al lavoro di Sarri, una vera macchina da gol. E il frutto forse più dolce di questa crescita costante, continua e soprattutto decisiva, è Lorenzo Insigne.

FANTASTATISTICHE 2016-2017


Presenze: 37
Gol: 18
Assist: 7
Media Voto: 6.70
Fantamedia: 8.32
Ammonizioni: 2
Espulsioni: 0


La stagione appena conclusa ha segnato per Lorenzo Insigne la stagione dei record: 18 reti le aveva mese a segno solamente nell’annata di Pescara con Zeman alla guida tecnica, ed in Serie B. In Lega Pro si era spinto sino a 19 reti, ma in Serie A la consacrazione è giunta proprio quest’anno. Un rendimento costante fatto di colpi di genio, bonus e tanta concretezza, così tanti da relegare inizialmente il buon Dries Mertens nel ruolo di riserva di lusso per la fascia sinistra. L’infortunio di Milik però ha rivoluzionato i disegni di attacco del Napoli, con il folletto belga nel ruolo di centravanti. A beneficiarne non è stato solo Mertens, ma anche lo stesso Insigne, capace di sfruttare gli spazi lasciati dall’interpretazione del ruolo di punta del belga.

STAGIONE 2017-2018: COSA ASPETTARCI?

La gestione della rosa e la trama di gioco del Napoli di Sarri sono elementi che ben conosciamo e lasciano presagire ad un’altra buona stagione per il partenopeo. Da qui a dire che supererà se stesso ed i suoi record però, il passo non è così breve, anzi. Rappresenta certamente l’identikit di un attaccante della squadra che, nell’ultimo triennio, ha segnato di più in campionato e quindi averlo in rosa rappresenta una vera opportunità. Attenzione però a non valutarlo come un top e pagarlo come tale: noi lo vediamo in grande ascesa, e i suoi numeri raccontano questo, ma resta un attaccante che appunto ha nella quota 18 il suo record in carriera, non chiedetegli 25 gol. Inoltre con il rientro di Milik e la possibile Champions League la concorrenza lì davanti sarà serrata. Ribadiamo, il ragazzo sembra sbocciato del tutto, ma è sempre bene usare un minimo di cautela…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy