I 5 difensori improbabili con una media voto superiore a Gonzalo Rodriguez

I 5 difensori improbabili con una media voto superiore a Gonzalo Rodriguez

Il difensore, ormai ex, della Fiorentina è sempre stato uno dei giocatori più pagati, ma ne è valsa la pena quest’anno?

di Mauro Miani, @mauromiani90
Rodriguez - Fiorentina

Negli ultimi anni tra i difensori un nome ha sempre spiccato tra i più pagati, perché nonostante tutto un difensore con il vizio del gol ha sempre il suo fascino. Quest’anno però chi ha deciso di puntare su Gonzalo Rodriguez si è trovato tra le mani uno dei peggiori difensori della serie A, insufficienze  non finire e solamente una rete segnata. I numeri parlano chiaro, MV di 5,63 ed una FM di 5,56 una stagione sicuramente da dimenticare. Nessuno si sarebbe aspettato un rendimento tanto basso, soprattutto visto che l’argentino nelle precedenti quattro stagioni in maglia viola non era mai sceso sotto le quattro reti stagionali, con il punto massimo toccato nella stagione 2014/15 quando segnò addirittura 7 gol.

I 5 DIFENSORI IMPROBABILI CON UNA MEDIA VOTO SUPERIORE A RODRIGUEZ

Abbiamo deciso in maniera ironica di presentarvi cinque difensori che in termini di media voto hanno fatto meglio dell’argentino, abbiamo scandagliato tutti i tabellini e le statistiche per trovare i casi più incredibili. Siamo sicuri che non potranno che farvelo maledire ancora di più se ce l’avete avuto in rosa, oppure in caso contrario strapparvi una sonora risata, e perché no qualche sano sfotto all’indirizzo del suo possessore.

1 – LEONEL VANGIONI (MILAN)

Molti tifosi del Milan al solo nominarlo non possono far altro che rabbrividire, l’esperto difensore argentino alla prima stagione in rossonero è riuscito a raccogliere 12 presenze in cui non ha mai particolarmente brillato. Solamente in tre occasioni è riuscito a strappare un voto superiore a 6 e chiudendo con una media voto di 5,83comunque meglio di Gonzalo Rodriguez.

2 – EMIL KRAFTH (BOLOGNA)

Non una gran stagione per lui, tra qualche problemino fisico e la titolarità tutt’altro che certa ne hanno parecchio minato il rendimento. Il terzino svedese non è mai riuscito a rendersi protagonista nella stagione del Bologna, se non in negativo visto che è riuscito a ricevere ben due espulsioni dirette. La media voto è stata tutt’altro che sufficiente pari a 5,66comunque meglio di Gonzalo Rodriguez.

3 – THIAGO CIONEK (PALERMO)

Difficile trovare un giocatore del Palermo che oltre a Rispoli e Nestorovski abbia avuto un rendimento sufficiente, e Cionek non fa eccezione. Nelle 28 presenze raccolte il nazionale polacco ha mostrato più di qualche amnesia difensiva concludendo con una non proprio esaltante media voto del 5,68comunque meglio di Gonzalo Rodriguez.

4 – BRUNO MARTELLA (CROTONE)

Martella era stato uno dei protagonisti della storica promozione del Crotone in serie A, per chi aveva seguito il fantaB lo scorso anno era rimasto sicuramente colpito dall’esterno classe 1992 e dalla sua incredibile sfilza di 6,5 ed assist messi  referto giornata dopo giornata. L’impatto con la serie A però non è stato facile e sopratutto all’inizio ha fatto molta fatica, salvo poi leggermente migliorare nella seconda parte di stagione. Nonostante questo miglioramento la sua media voto è stata comunque ampiamente insufficiente appena 5,68comunque meglio di Gonzalo Rodriguez.

5 – GIUSEPPE BELLUSCI (EMPOLI)

Nessuno in Serie A come lui, non stiamo parlando di gol o di chiusure difensiva, ma bensì di ammonizioni. L’ex Catania infatti ha vinto il non invidiabile premio di giocatore più ammonito della Serie A con ben 15 cartellini gialli in 32 partite, praticamente uno ogni due. Nonostante questo è stato uno dei migliori della retroguardia dell’Empoli tant’è che nonostante ad Agosto partisse come riserva ha saputo conquistarsi il posto da titolare. Vuoi per i tanti gialli, vuoi per i risultati negativi della squadra la sua media voto però è stata tutt’altro che trascendentale con  una media di appena 5,67comunque meglio di Gonzalo Rodriguez.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy