Felipe Anderson – Scheda Estiva Fantacalcio

Stagione di alti e bassi con pochi gol e tanti assist. Chi è il vero Felipe Anderson e soprattutto, riuscirà a fare il definitivo salto di qualità?

di Matteo Previderio

Felipe Anderson nella sua seconda stagione in Italia, aveva sorpreso un pò tutti mettendo a segno 10 gol in 32 presenze, regalando anche 8 assist. Era la stagione 2014-2015, il suo miglior campionato in termini di bonus. Nei due anni successivi si è così guadagnato un posto tra i top del reparto, ma il suo rendimento non è stato per nulla paragonabile al ruolino di quella stagione. Ad oggi si è dimostrato un giocatore di assoluto talento, ma poco continuo. Nonostante tutto ha dalla sua l’età (24), quindi ha ancora grossi margini di miglioramento, con mister Inzaghi non esiterà nel metterlo al centro del progetto biancoceleste.


FANTASTATISTICHE 2016-2017

Presenze: 36

Gol: 4

Assist: 12

Ammonizioni: 5

Media voto: 6.14

Fantamedia: 6.28


Statistiche alla mano, possiamo notare come il brasiliano in questa stagione abbia lavorato molto per la squadra, sfornando tantissimi assist. La buonissima stagione di Immobile in fase realizzativa e l’esplosione di Keita, hanno sicuramente inciso sul suo rendimento sotto porta.

STAGIONE 2017 – 2018, COSA ASPETTARCI?

Rispetto agli anni precedenti, il suo prezzo potrebbe essere un pò più contenuto, proprio perchè il giocatore non ha brillato per continuità. Alcune new entry nel nostro campionato, potrebbero ingolosire i vostri avversari nel mercato di settembre: quindi, con un pò di fortuna, Felipe Anderson potrebbe essere acquistato ad un prezzo tutto sommato soddisfacente. Mister Inzaghi nel ritiro pre campionato, sembrerebbe indirizzato nel lavorare sul 3-5-2, e in questo scacchiere tattico, il brasiliano potrebbe occupare il ruolo di esterno destro, garantendo più copertura e meno spinta sulla fascia, senza dimenticare che in alcune partite della passata stagione, con questo modulo, è stato anche utilizzato al fianco di Immobile, con risultati alterni. Tuttavia Inzaghi nel campionato scorso ha dimostrato una grande capacità nel preparare le partite, alternando vari moduli nel corso della stagione, dal 4-3-3, al 3-4-3 oppure al 4-2-3-1. La titolarità di Felipe Anderson non è in discussione, anche se per lui ci sarà da lottare per conquistarsi il posto fisso, soprattutto in caso di 3-5-2; ma è un giovane, ed Inzaghi ha il pregio di saper lavorare con questo tipo di giocatori. La Lazio quest’anno sarà impegnata in tre competizioni e Lotito, analizzando le stagioni sotto la sua gestione, difficilmente regalerà al mister tante soluzioni alternative per ogni ruolo: quindi è facile pensare che per i top di questa squadra possa essere una stagione molto più faticosa, e che la condizione fisica rIschia di non essere sempre al massimo. Il brasiliano resta comunque una delle pedine più importanti di questa Lazio. Un giocatore davvero talentuoso che, nell’anno del Mondiale, con la sua voglia di conquistarsi un posto nella rosa della Seleçao, potrebbe davvero fare la differenza. Ha già dimostrato di poter arrivare in doppia cifra, e quindi sperare che possa ripetersi è assolutamente lecito.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy