Il Fattore Campo: i portieri dopo 12 giornate di Fantacalcio

Il Fattore Campo: i portieri dopo 12 giornate di Fantacalcio

Analizziamo come il fattore campo ha inciso sul rendimento dei portieri della Serie A nelle prime dodici giornate di campionato, per poterli sfruttare al meglio in ottica fantacalcio.

di Daniele Cravino

I fantallenatori vincenti sono ben consapevoli di come siano tante le variabili da considerare quando si disegna il proprio undici titolare. Alla vigilia di ogni turno di campionato, i giocatori della rosa vanno gerarchizzati, con cura maniacale, a seconda dello stato di forma, delle motivazioni, del livello del dirimpettaio di giornata e della collazione tattica. C’è, però, un aspetto che, nella maggioranza dei casi, incide più pesantemente degli altri sul rendimento dei propri pupilli: il fattore campo. Archiviato questo primo scorcio di campionato, sfruttiamo la pausa nazionali per analizzare come questo fattore ha influenzato le prestazioni dei giocatori della Serie A e come utilizzarlo per ottimizzare le scelte in ottica fantaformazione. In questo articolo puntiamo gli occhi sui portieri, tra conferme, bocciature e qualche sorpresa.

IL FATTORE CAMPO: LA SITUAZIONE PORTIERI ALLA 12a GIORNATA

Le prestazioni passate non sono necessariamente una garanzia per quelle future, ma sono utili indicatori che minimizzano il rischio di incorrere in autentici fantadisastri. Vediamo, quindi, sulla base di quanto visto nelle prime dodici giornate di Serie A, come il fattore campo ha inciso, in maniera più o meno determinante, sul rendimento degli estremi difensori del nostro campionato. Nella tabella sottostante, i portieri sono stati classificati in ordine decrescente di fantamedia totale (dal migliore, Szczesny, al peggiore, Storari), ed abbiamo poi aggiunto le loro fantastatistiche casalinghe ed esterne. Da notare il fatto che non sono considerati coloro che non hanno giocato almento sei partite (cioè la metà di quelle disputate fino ad ora).

Presentation1Le fredde cifre che abbiamo snocciolato mettono in evidenza tre categorie principali:
– I portieri ‘casalinghi’, che timbrano un rendimento marcatamente migliore tra le mura amiche;
– I portieri ‘corsari’, che si esaltano nelle difficoltà delle partite esterne;
– I portieri ‘saracinesca’, le cui prestazioni sono meno influenzate dal fattore campo.

Siamo sicuri analizzerete questi dati con occhi famelici, noi comunque vi proponiamo le nostre osservazioni e vi lasciamo qualche (speriamo) utile consiglio.

I PORTIERI ‘CASALINGHI’, LEONI TRA LE MURA AMICHE

AC Milan v FC Torino - Serie ACi sono compagini che, spinte dall’onda impetuosa del tifo amico, esprimono il loro miglior calcio nelle partite interne, sia in termini offensivi che di solidità difensiva. I portieri di queste squadre raccolgono tipicamente discrete medie voto, ma il loro rendimento casalingo in chiave fantacalcio si impenna considerando le poche reti subite. Szczesny (Roma), Tatarusanu (Fiorentina), Marchetti (Lazio), Joe Hart (Torino) e Donnarumma (Milan) sono sicuramente esempi lampanti della categoria ‘casalinghi’: la loro fantamedia interna supera di gran lunga quella esterna, grazie alle prestazioni autoritarie delle rispettive squadre tra le mura amiche. Come gestirli al fantacalcio? Semplice, schierateli (a parte in rare eccezioni quando affrontano avversari sulla carta proibitivi), senza troppi patemi, quando giocano in casa, mentre ponderate molto attentamente le vostre scelte quando sono impegnati in trasferta.

I PORTIERI ‘CORSARI’, PROTAGONISTI IN TRASFERTA

AC Milan v Genoa CFC - Serie AA questo gruppo appartengono quegli estremi difensori che, militando tipicamente in squadre di media o bassa classifica con difese organizzate e tignose, possono resistere a veri e propri arrembaggi avversari lontano dalle mura amiche. Essendo spesso chiamati in causa per compiere interventi più o meno decisivi, la loro media voto gioco forza ne giova, ammortizzando cosi il peso di eventuali malus legati alle reti concesse. Gli esponenti più efficaci della categoria ‘corsari’ sono, senza ombra di dubbio, Skorupski (Empoli), Perin (Genoa) e Sorrentino (Chievo): dai loro salvataggi dipendono spesso i destini delle rispettive compagini, ed il rendimento in chiave fantacalcio ne trae enorme beneficio. Se li avete in rosa, il nostro spassionato consiglio è quello di gettarli nella mischia in partite esterne di media e bassa difficoltà: una mossa relativamente rischiosa, ma potreste pescare il jolly di giornata.

I PORTIERI ‘SARACINESCA’, SICUREZZE IN CASA E FUORI

FC Crotone v Atalanta BC - Serie AAi portieri ‘saracinesca’ poco importa se si gioca nel proprio stadio o in trasferta, il loro rendimento è assolutamente martellante. Al fantacalcio sono veri e propri fari nella tempesta, assolute sicurezze che garantiscono buoni voti e pochi malus sia nelle partite casalinghe che in quelle esterne, indipendentemente dal livello dell’avversario. Sulla base di quanto visto nelle prime dodici giornate di campionato, tra i portieri dei quali ci fidiamo ciecamente vanno annoverati Berisha (Atalanta), Handanovic (Inter) e Buffon (Juventus), per ragioni diverse. Il primo ha giovato dell’eccellente compattezza difensiva atalantina, alla quale ha contribuito con interventi puliti e grande reattività: occhio, però, perchè l’ombra di Sportiello è sempre presente e l’Atalanta potrebbe non mantenere questa forma eccezionale per tutto il campionato. Handanovic si è dimostrato portiere di assoluto affidamento (a parte la giornataccia contro il Cagliari), nonostante il reparto che lo protegge non sia certo una fortezza invalicabile. Buffon, tra alti e bassi, è il leader della Juventus prima della classe, e, nonostante le fatiche di Champions ne abbiano sporcato il rendimento, rimane comunque un assoluto top di reparto.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy