Fantascambi: Kessie o Lucas Leiva?

In questa puntata siamo alle prese con un bello scambio a centrocampo: chi può portare maggiori bonus tra la forza della natura Kessie ed il brasiliano Lucas Leiva?

di Matteo Di Sabatino

Bentornati con Fantascambi, la rubrica dedicata ai vostri dubbi fantacalcistici raccolti sul blog del Gruppo Esperti! Oggi siamo particolarmente lieti di analizzare la domanda di un neofita del fantagioco più bello del mondo (si, anche quando siamo ultimi in classifica…. tanto c’è sempre l’anno prossimo, no?!). Il nostro utente marckw94 ci chiede se accettare o meno lo scambio tra il suo Kessie e Leiva, considerato anche l’avvio certo non brillante dell’ivoriano da cui ci aspettavamo sicuramente di più.

FANTASCAMBI: KESSIE O LUCAS LEIVA?

Partiamo subito da una considerazione forse scontata, ma che aiuta a mettere nella giusta prospettiva lo scambio: i due giocatori ricoprono ruoli completamente diversi, Kessie è un centrocampista box-to-box, in grado cioè di disimpegnarsi con la stessa facilità in fase difensiva ed offensiva, come ampiamente dimostrato l’anno scorso a Bergamo.

Lucas Leiva è invece il classico mediano di sostanza; fa dell’interdizione la sua arma migliore, tanto che nel Liverpool non era raro vederlo impiegato anche come difensore centrale, grazie al suo ottimo tempismo e ad un gioco d’anticipo molto efficace, tuttavia si fa apprezzare anche per la visione di gioco ed il lancio lungo.

Questa differenza di ruoli ha ricadute sulle rispettive votazioni; da Kessie ci si aspetta sempre possa spaccare la partita, a maggior ragione se indossi la maglia del Milan ed in teoria dovresti essere messo in condizioni ancor più favorevoli di quelle trovate all’Atalanta nella scorsa stagione. Ma si sa, il calcio non è una scienza esatta e non bisogna dimenticare che parliamo di un giocatore che ha solo 21 anni ed è comprensibile possa servirgli un po’ di tempo per calarsi nella nuova realtà; per lui i numeri fino a questo momento sono da “linea di galleggiamento”, 2 gol segnati, 1 assist e media reale di poco inferiore al 6.

Leiva è invece nel pieno della sua maturità calcistica, pienamente consapevole delle sue qualità tanto da non aver minimamente sofferto il passaggio dalla Premier alla Serie A; il suo inserimento al centro della Lazio di Inzaghi ha portato il mister a cambiare sistema di gioco rispetto a quando c’era Biglia, ma assieme a Parolo ha costruito una vera e propia diga difficile da sorpassare per qualunque squadra. Il gol per lui (ma soprattutto per voi) rimane un miraggio: in 247 presenze in campionato con i Reds è riuscito a sengare un solo gol, tuttavia è stato preso per svolgere compiti di tutt’altra natura come abbiamo detto e qui si sta disimpegnando egregiamente, come dimostrano un po’ tutti i pagellisti delle testate più famose che l’anno portato ad avere un rendimento superiore al 6 di media. Anche dal punto di vista fisico pare non destare particolari preoccupazioni, ma è comunque quel tipo di giocatore che difficilmente le gioca tutte in un campionato di 38 giornate.

Siamo dunque di fronte a due titolarissimi nelle loro rispettive squadre (cogliamo l’occasione per ribadire ancora una volta, soprattutto per coloro alla loro prima esperienza fantacalcistica, che la prima cosa da valutare in un giocatore è la sua titolarità), che però si trovano in un momento totalmente diverso; la Lazio di Inzaghi vola, e Leiva si è inserito perfettamente in un meccanismo già rodato, cosa che certamente lo aiuta a rendere al meglio. Il Milan di Montella invece è in forte difficoltà, di risultati e di gioco, ed il fatto che otto undicesimi della squadra giochino insieme solo da agosto non aiuta di certo. Kessie è stato forse valutato, da stampa e tifosi, diversamente da ciò che è: un buon giocatore con margini di crescita importanti che di certo imparerà molto al fianco di Biglia, ma sicuramente non poteva e non può essere lui il salvatore della patria rossonera.

Tirando le somme, cosa conviene fare? Caro marckw94 qui entra in gioco un’altra componente importante del buon fantallenatore: l’istinto! Ad oggi possiamo dirti che se cerchi un giocatore dal rendimento positivo e constante, Leiva fa al caso tuo, se invece ti piace rischiare un po’, puoi anche permetterti di aspettare che le prestazioni di Kessie migliorino; ripetiamo che si tratta di un titolarissimo del Milan, che è una delle prime scelte nel calciare i rigori e che è sensato prevedere che questo Milan progredisca da qui alla fine del campionato.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy