Fantacalcio Torino, Sanabria punta l’attacco: come cambia la formazione?

L’attaccante è un pupillo di Nicola e all’asta potrebbe essere un acquisto interessante

di Mauro Maccioni

Buone nuove per Nicola, che può abbracciare il suo uomo di fiducia: Sanabria è un nuovo giocatore del Torino. L’attaccante arriva dal Betis per 7 milioni più bonus, una cifra non spropositata per un ragazzo che potrebbe ancora far esplodere tutte le sue potenzialità finora inespresse. Ma con il suo arrivo, cosa cambia?

INSERIMENTO

Il Torino non naviga in buone acque da molto tempo, con i soli 15 punti in classifica che di certo non lasciano il sorriso ai tifosi granata. Ma nell’oscurità della bassa classifica è arrivato Sanabria, che ora vuole giocarsi tutte le sue carte. L’attaccante arriva per giocarsi la maglia da titolare con Zaza, in una continua lotta per cercare la perfetta spalla del Gallo Belotti che, inutile dirlo, è intoccabile. Il capitano granata fatica a reggere da solo il peso dell’attacco, con Verdi, Bonazzoli e Zaza che si sono dimostrati fin qui inadeguati. Solo quest’ultimo ha lanciato qualche lampo di luce con la doppietta al Benevento ma, come si suol dire, una rondine non fa primavera. Nicola ci spera, ovviamente, e gli piacerebbe vedere anche gli alberi in fiore oltre che una semplice rondine. Zaza, però, non ha ancora dimostrato abbastanza da mettere le mani sul fuoco per la sua titolarità: Sanabria si inserisce proprio in questo senso. La nuova punta conosce alla perfezione Nicola – han condiviso l’esperienza al Genoa – e possiede le caratteristiche ideali per accompagnare Belotti. Certo, sulla carta è tutto perfetto: il campo però parla ed è, come sempre, estremamente loquace.

OCCASIONI E FANTACALCIO

Le prime impressioni suggeriscono che Sanabria sia sbarcato a Torino per fare il titolare. Ovviamente se Zaza da qui in avanti continuerà a mantenere ritmi alti sarà difficile rimpiazzarlo, ma il panorama che sembra delinearsi all’orizzonte è quello di vedere il tandem Belotti-Sanabria a spaventare le difese avversarie. I due si compensano bene e, come detto, Sanabria conosce alla perfezione il modo di giocare del nuovo tecnico. Superato il Covid-19 (l’attaccante è risultato positivo ed asintomatico al Coronavirus, è in attesa di negativizzarsi) in poco tempo la nuova punta diventerà anche il nuovo titolare, con Zaza destinato a essere il primo rincalzo. All’asta di riparazione Sanabria è una scelta interessante che, potenzialmente, potrebbe fruttare molto bene. Non consigliamo una spesa folle per il semplice fatto che il Torino ancora non sembra essersi assestato, ma alla lunga potrebbe fornire, oltre a un voto sicuro, anche discreti bonus. Nulla cambia se si cerca un titolare, si potrebbe puntare comunque su di lui: esiste una piccola percentuale di rischio, ma Zaza non sembra possedere le qualità per rubargli il posto.

Sanabria, dunque, entra a far parte delle occasioni d’inverno: puntare su di lui non è mai sbagliato e, anzi, potrebbe essere la carta che risolleverà il Torino. Ora tocca al campo dire la propria.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy