Fantacalcio Inter: chi sarà il trequartista?

Ampia analisi sulle varie alternative a disposizione di Spalletti per il ruolo di trequartista.

di Marco Grano

In queste prime 5 giornate di campionato sulla trequarti dell’Inter abbiamo visto quattro soluzioni diverse. Spalletti ha fatto partire dal primo minuto Brozovic, Borja Valero e Joao Mario, mentre nell’ultima partita, in casa del Bologna, è stato proposto a gara in corso Eder.

Il tecnico di Certaldo è stato di parola. Durante la conferenza stampa che ha preceduto l’esordio in campionato, contro la Fiorentina, dichiarò che possedeva 5 giocatori in grado di ricoprire il ruolo alle spalle di Icardi: Borja Valero, Brozovic, Joao Mario, Eder e l’ormai ex Jovetic. Aggiungendo anche che altre soluzioni si sarebbero potute inventare.

TREQUARTISTA INTER: QUALITA’ E LIMITI DI JOAO MARIO E BROZOVIC

I due giocatori favoriti ad alternarsi sulla trequarti sono Joao Mario e Brozovic. Il croato è stato schierato titolare proprio nel match d’esordio con la Fiorentina risultando però uno dei peggiori in campo.
Sulla carta Brozovic ha le qualità più congeniali in zona bonus: è capace di segnare sia dalla distanza che dai 16 metri, ma pecca in concentrazione ed intensità, caratteristiche fontamentali per l’equilibrio della squadra e che spesso al fantacalcio comportano brutti voti. Oltre al 5,5 della prima di campionato, infatti, la stessa valutazione gli è stata assegnata anche da subentrante contro la Spal, rimediata a seguido di troppi errori banali ed un atteggiamento troppo svogliato, visto anche nell’ultima giornata ma dove i pochi minuti giocati non sono bastati a ricevere il voto.

Nelle ultime tre partite il titolare è stato invece Joao Mario. Se con la Spal è risultato determinate, procurando il rigore che ha sbloccato la gara, ed il suo 6,5 è bastato a cJoao Mariohi ha deciso di puntarci,  nelle successive uscite ha portato due insufficienze: un 5,5 contro il Crotone ed un pesante 4 nell’ultima giornata di campionato.
Il portoghese avrebbe tutte le qualità per mantenere il posto: potenza fisica, piede educato, senso della posizione e spirito di sacrificio, ma sia sotto rete che dalla distanza, vengono fuori tutti i suoi limiti nel far gol. In più, nella sua ultima uscita contro il Bologna, ha mostrato una fragilità mentale che lo porta ad essere un elemento pericoloso per l’economia della squadra. Va anche sottolineato che nelle prime due partite, contro Fiorentina e Roma, ha avuto un ottimo impatto da subentrante, regalando anche un bonus leggero e due sufficienze abbondanti, un particolare che potrebbe farci proprendere, a noi fantallentori come a Spalletti, nel preferirlo più a gara in corso che titolare.

TREQUARTISTA INTER: L’IMPORTANZA DI EDER E VALERO

Le altre due soluzioni sono Eder e Borja Valero. Lo spagnolo è un elemento imprescindibile per l’Inter, il centrocampista centrale che fin qui ha accumulato più minutaggio e l’unico ad essere partito sempre titolare. Nel primo tempo dell’Olimpico di Roma Spalletti l’ha proposto nei tre a ridosso della prima punta con scarsi risultati. Se in questa posizione Valero potrebbe diventare più appetibile fantacalcisticamente, sul piano tattico l’Inter risente troppo della sua assenza in mediana, dove può interpretare il ruolo di regista, dando ritmo al gioco e più sicurezza alla difesa. Per queste ragioni la soluzione di vederlo nuovamente spostato sulla trequarti è tra tutte quella più difficile.

Contro il Bologna, dopo la peggiore frazione di gioco dell’Inter di Spalletti, il cambio effettuato per dare la scossa è stato Eder per Joao Mario. L’Italobrasiliano è riuscito a cambiare l’inerzia della gara, procurandosi  anche il rigore del pareggio, e portando a casa un buon voto (6,5), il primo fin qui collezionato.
La duttilità di Eder gli permette di giocare sia da prima punta che in tutti e tre i ruoli in appoggio ad Icardi, rendendolo di fatto la prima alternativa ai quattro giocatori offensivi titolari. La soluzione vista a Bologna potrebbe anche essere riproposta dal primo minuto, in un atteggiamento sulla carta più offensivo ma che in realtà non si discosta molto dalle altre soluzioni, grazie al grande spirito di sacrificio dell’ex Samp. Il dubbio su questa opzione è che facendolo partire titolare, Spalletti non avrebbe più a disposizione una carta da giocarsi a gara in corso, una mossa che, come visto al Dall’Ara, può risultare determinate.

TREQUARTISTA INTER: UN’ALTRA ALTERNATIVA IN ATTESA DEL MERCATO

Riprendendo le parole della conferenza pre Fiorentina (nel ruolo di trequartista “qualcuno lo possiamo anche inventare”) il primo nome che ci viene in mente è quello di Vecino. L’uruguaiano ha iniziato la carriera proprio in questa posizione, ed anche a Firenze Sousa l’ha proposto in più occasioni in quella zona di campo, in un modulo identico a quello attuale dell’Inter. Conoscendo l’abilità del tecnico ex Roma nel reinventare i giocatori a sua disposizione in zonVecinoe differenti del campo, la possibilità di vedere Vecino dietro ad Icardi non possiamo escluderla.

In questi giorni anche il mercato nerazzurro è tornato a far parlare. Non è un mistero che nella sessione estiva molti nomi di potenziali trequartisti atipici sono stati accostati all’Inter, ma nessuno è arrivato per le vicissitudini della proprietà cinese. Nella sessione invernale di Gennaio la situazione potrebbe cambiare, e Suning potrebbe tornare ad investire prepotentemente nel mercato, portando in dote a Spalletti quel tassello che oggi, come visto, è costretto a cercare tra giocatori che per un motivo o per un altro non convincono appieno.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy