Consigli Fantacalcio 7a giornata – Gli sconsigliati Fantamagazine

Tutti gli sconsigliati per la 7a giornata: da evitare Bruno Peres e Missiroli, Alessio Romagnoli e Berisha a rischio mal di testa, Joao Mario e Lazovic non convincono

di Alessandro Mura

Nuova giornata, e quindi nuovo appuntamento con il Fantacalcio. Mancano poche ore allo scoccare della settima giornata della Serie A 2017-18, e con essa giungono anche i nostri consigli. La redazione di Fantamagazine, infatti, per ogni turno di campionato vi proporrà i consigliati, le possibili sorprese ed uno speciale per analizzare tutte gli sconsigliati delle schede partita targate Gruppo Esperti (che potete trovare QUI).

CONSIGLI FANTACALCIO 7a GIORNATA – GLI SCONSIGLIATI

In questo appuntamento scopriamo insieme quali giocatori sono da evitare per la 7a giornata di Serie A. Vi ricordiamo inoltre che potrete seguire i nostri consigli nel modo che più preferite, da comodi messaggi gratuiti sul canale Telegram, sulla pagina Facebook di Fantamagazine e infine nell’ultima novità, FantaHUB, l’app per veri fantallenatori, disponibili negli store iOS e Android.

UDINESE – SAMPDORIA

La partita che apre il settimo turno della Serie A 2017-2018, vede contrapposte Udinese e Sampdoria. Tra i friulani evitate di schierare Angella, il difensore è chiamato a sostituire l’infortunato Danilo e avrà il suo bel da fare per contrastare la potenza fisica di Duvan Zapata e l’estro di Quagliarella. A rischio pure Behrami, lo svizzero dovrà fronteggiare i centrocampisti blucerchiati, tra i più in forma in questo inizio di campionato. Tra i liguri l’unico sconsigliato è Regini, che sarà in ballottaggio fino all’ultimo con Ferrari e non è al meglio.

GENOA – BOLOGNA

Il secondo anticipo settimanale propone il match tra due squadre con gli stessi colori sociali: Genoa e Bologna. Tra i padroni di casa sconsigliamo di schierare Lazovic, il serbo è apparso indietro di condizione in queste prime partite. Tra gli emiliani invece consigliamo di dare un turno di riposo a Masina, il terzino soffre infatti le squadre che fanno del gioca sulle fasce il proprio mantra.

NAPOLI – CAGLIARI

Sarà il San Paolo ad aprire i match domenicali: alle 12.30 si affronteranno infatti Napoli e Cagliari. Tra i partenopei impossibile sconsigliare qualcuno, tuttavia considerate che la squadra di Sarri è reduce da un vero e proprio tour de force, con 7 partite in soli 20 giorni, evitate di schierare troppi napoletani in blocco. Negli isolani meglio lasciar fuori tutti gli elementi della difesa, portiere compreso. Troppo devastante il tridente napoletano.

TORINO – HELLAS VERONA

Domenica alle 15.00 il Torino di Mihajlovic ospiterà il Verona del traballante Pecchia. Tra i granata meglio non affidarsi a Molinaro ed a Valdifiori: il terzino sinistro non ha iniziato al meglio la stagione e Ansaldi gli ha soffiato momentaneamente il posto da titolare (Barreca è infortunato), il regista potrebbe avere un’occasione vista la squalifica di Baselli. Vero che l’Hellas non è un avversario molto temibile attualmente, ma non è bene fidarsi di un giocatore che da troppo tempo calca la panchina. Tra i veronesi c’è l’imbarazzo della scelta nel scegliere gli sconsigliati, per questo vi invitiamo a non schierare nessun elemento difensivo dei gialloblu: Nicolas, Caceres, Heurtaux e Souprayen saranno con ogni probabilità travolti dalla voglia di gol del Gallo Belotti.

SPAL – CROTONE

Al Paolo Mazza di Ferrara andrà in scena lo scontro tra due cenerentole del nostro campionato: Spal e Crotone. Tra gli spallini, se potete, evitate di schierare gli elementi difensivi: è infatti uno scontro salvezza anticipato e i difensori della Spal potrebbero pagare l’eccesso di foga e collezionare brutti voti oltre che dei malus. Nei pitagorici lo sconsigliato è Sampirisi, sempre presente nelle ultime partite di campionato. Al siciliano non è mai stata data così tanta continuità di impiego in A e potrebbe risentirne fisicamente.

BENEVENTO -INTER

Domenica alle 15.00, al Vigorito, il Benevento attende l’Inter di Spalletti. Tra gli stregoni sarebbe bene non schierare nessun elemento difensivo, troppe le reti subite ultimamente. Nei neroazzurri invece non è facile trovare degli sconsigliati, tuttavia optiamo per Joao Mario: troppo timido e molle fin’ora.

LAZIO -SASSUOLO

La sfortunata Lazio di mister Inzaghi, falcidiata dagli infortuni, ospita all’Olimpico di Roma il Sassuolo di Bucchi. Tra i padroni  di casa non esiste un vero e proprio sconsigliato, tuttavia gli straordinari richiesti a Radu, potrebbero causare una flessione nel rendimento del rumeno. Tra i neroverdi invitiamo a non schierare Missiroli, i più attenti fantallenatori ricorderanno il missile come un instancabile uomo bonus. Lo era anni fa.

CHIEVO VERONA – FIORENTINA

Al Bentegodi il Chievo riceverà la visita della Fiorentina. Negli scaligeri lo sconsigliato è Manuel Pucciarelli: lui è il classico giocatore utile agli allenatori ma inutile ai fantallenatori, dato che è  sempre in ballottaggio e porta bonus sporadici. Nella Viola da evitare l’inserimento nei vostri 11 di Olivera, lui è l’anello debole della difesa  e un seppur improbabile recupero di Biraghi lo relegherebbe pure in panchina.

MILAN – ROMA

Uno dei match storicamente principe della nostra Serie A è Milan-Roma. I rossoneri dopo la batosta di Genova sono chiamati a rialzarsi, scontro tuttavia non facile per riconquistare i tre punti, pure per voi se avete in porta Gigio Donnarumma e in difesa Alessio Romagnoli. Se potete lasciateli in panchina, ci saranno periodi migliori. Per i capitolini vale il medesimo discorso, attualmente Fazio e Bruno Peres non danno sufficienti garanzie per  un big match.

ATALANTA – JUVENTUS

Chiude la settima giornata di Serie A la partita tra Atalanta e Juventus, che caratterizzerà il posticipo serale della domenica. Allarme rosso per i possessori di Berisha, questa Juve si sta dimostrando una macchina da gol, se avete alternative è il momento di spolverarle. Sconsigliato pure Kurtic, lontano parente di quello della passata stagione. Nei bianconeri l’unico che vi sconsigliamo è Lichtsteiner: il treno svizzero non è più quello di un tempo, l’asse Pirlo-Licht è ormai un lontanissimo ricordo.

 

 

 

 

 

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy