Consigli Fantacalcio: 5 primavera che potrebbero giocare nel finale di stagione!

5 giovani interessanti che hanno bazzicato qualche minuto per i campi di serie A e che potrebbero avere più spazio nelle ultime partite del campionato.

di Graso

Molto spesso nelle ultime giornate di campionato gli allenatori, soprattutto nelle squadre che non ha più pretese per il campionato e sono dunque proiettate verso la prossima stagione, lasciano spazio ad alcuni giovani della primavera, così da testarli anche in vista del ritiro estivo della prossimo  campionato, preferendo lasciare in panchina alcuni giocatori più conosciuti acciaccati o stanchi dalla lunga stagione. Alcune volte questi esordienti hanno incantato in quei minuti di scarso interesse. Emblematico è il caso di Grandolfo (tripletta in un Bologna-Bari, ultima giornata della serie A 2010-11). Ma conosciamo alcuni protagonisti del futuro che potrebbero avere minuti in questo finale di campionato e potrebbero essere utili per non giocare in 10 nelle ultime decisive giornate del fantacalcio.

Ianis Hagi – Fiorentina

Figlio d’arte, il padre è Gheorghe Hagi il “fotbalist de rasa” numero 10 della Romania ed ex calciatore di Real Madrid e Brescia. Il figlio Ianis (1998) gioca da trequartista nelle giovanili della Fiorentina dove quest’anno si è fatto notare con 2 goal e 2 assist nel campionato primavera in 8 presenze. Ha già esordito in A contro il Cagliari, in ottobre, giocando gli ultimi 15 minuti. Sousa è molto incline nel lanciare i giovani, vedasi Bernardeschi e Chiesa, e Hagi potrebbe essere il prossimo a ritagliarsi uno spazio tra i grandi. Al fantacalcio la sua quotazione attuale è di 3 ed è un T(A), ottimo da affiancare ad Ilicic, nel caso in cui il giovane rumeno nelle ultime giornate prendesse il posto dello sloveno tra i due trequartisti alle spalle della punta. Meno probabile un impiego sull’esterno di destra dove la maglia titolare è di proprietà di Chiesa.

Mamadou Coulibaly – Pescara

Da profugo su un barcone partito dal Senegal alla serie A, è stato aggregato alla prima squadra del Pescara dopo un periodo di prova durante il quale ha stupito lo staff degli abruzzesi. Coulibaly è stato già ribattezzato il nuovo Pogba, anche se spesso questi accostamenti sono molto superficiali e generano dannose aspettative. Se la sua storia è una storia a lieto fine, quella del suo Pescara è un dramma che si sta consumando in una delle retrocessioni più disastrose della storia. Infatti è probabile che tra qualche settimana il Pescara si ritrovi già matematicamente retrocesso così da poter dare a Zeman la possibilità di sperimentare e testare qualche giovane in vista della serie B. Coulibaly dopo i 20 minuti finali contro l’Atalanta, di domenica scorsa, potrebbe trovare più spazio anche partendo dal primo minuto. La sua quotazione è 1 ed è un centrocampista. Sarebbe interessante vedere questo giovane del quale se ne parla molto bene, infatti abbina bene potenza fisica ed un’ottima tecnica, probabile venga impiegato da mezz’ala nel 4-3-3 di Zeman.

Alessandro Bastoni – Atalanta

Alessandro Bastoni tra poco più di tre settimane sarà maggiorenne, ma ha già alle spalle 120’ di serie A. Il settore giovanile dell’Atalanta è uno dei più floridi della serie A e la presenza di un tecnico come Gasperini sulla panchina orobica, ha dato il là ad una delle stagioni più belle e soddisfacenti della storia dei bergamaschi. Dopo aver già lanciato Caldara, Kessié e Gagliardini il prossimo crack nerazzurro potrebbe essere Bastoni. Bastoni è un centrale difensivo, mancino,merce rara con buona tecnica e molto attento in marcatura, ha già collezionato oltre 40 presenze con le rappresentative nazionali giovanili e probabilmente dalla prossima stagione sarà in pianta stabile nell’Atalanta. Al fantacalcio la sua quotazione attuale è 3 e potrebbe essere una buona chiamata come ottavo di difesa se avete già qualche difensore dell’Atalanta. Molto probabile un suo impiego nelle ultime gare della stagione.

Moise Kean – Juventus

Kean è stato il primo giocatore del 2000 ad esordire in uno dei 5 top campionati europei, il 19 novembre del 2016. Ha finora giocato 6 minuti divisi in 2 presenze ed ha anche una presenza in Champions League, contro il Siviglia. Titolare dell’attacco azzurro nell’Under 19 a detta di molti è già un predestinato. La Juve, nel corso di questa primavera, sarà impegnata su tre fronti; in caso di vittoria del campionato con qualche giornata di anticipo Allegri potrebbe concedere più minuti a qualche primavera, e l’indiziato numero 1 è il giovane Moise. Attualmente la sua quotazione è di 2, è un attaccante, da prendere come sesto di reparto se si ha già qualche attaccante della Juve. In campo potrebbe giocare sia come esterno che come seconda punta o addirittura come punta nel 4-2-3-1, la sua tecnica e la sua velocità oltre ad una buona struttura fisica ne fanno uno dei più interessanti prospetti del nostro calcio.

Pietro Pellegri – Genoa

Pietro Pellegri già alla sua prima gara in serie A ha subito eguagliato un record, quello stabilito da Amedeo Amedei di più giovane esordiente in serie A, con 15 anni e 280 giorni. Nonostante la stazza (188 cm) Pellegri ha da poco compito 16 anni ed insieme a Kean compone l’attacco della nazionale Under 19. Pellegri è una prima punta forte fisicamente e dotata di buona tecnica. Il Genoa è abbondantemente salvo, nonostante gli ultimi risultati non siano dei migliori. Difficile che Mandorlini abbia il coraggio di dargli una maglia da titolare nelle giornate conclusive del torneo, vista la rovente situazione dell’ambiente genoano, probabile vederlo all’opera da subentrante. La sua valutazione al momento è di 1 e potrebbe giocare sia al posto di Simeone che di Pinilla, prendetelo come sesto se avete già uno dei due.

Se vi piace puntare sui giovani al fantacalcio fateci un pensierino o per queste ultime partite, avendo la possibilità, o anche per gli anni futuri, visto il talento di questi giovani.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy