Attaccanti del Cagliari: cosa aspettarsi al Fantacalcio?

Attaccanti del Cagliari: cosa aspettarsi al Fantacalcio?

Un’analisi sul rendimento e sulle caratteristiche degli attaccanti rossoblu.

di Fabio Lilliu

Alti e bassi per il Cagliari in questo inizio di stagione: dopo un buon periodo la squadra è scesa in classifica, ma è in una situazione relativamente tranquilla. Mentre la difesa – la peggiore del campionato – è il punto dolente, l’attacco sta andando bene: la compagine rossoblu infatti al momento ha collezionato la rispettabile quantità di 20 gol, ad opera prevalentemente degli attaccanti. Vogliamo descrivere allora nel dettaglio la situazione del reparto avanzato del Cagliari, analizzando però soprattutto gli aspetti legati al fantacalcio.

Titolarità

Nelle prime partite la situazione sembrava chiara: complici anche gli infortuni degli altri due, Sau e Borriello erano i titolari indiscussi dell’attacco. Con i rientri di Melchiorri prima e Farias poi, però, questa titolarità fissa ha iniziato a venir meno, e sembra invece essere confermato l’atteggiamento che Rastelli già ha utilizzato la scorsa stagione: i quattro attaccanti infatti sono tutti da considerare potenzialmente titolari, e il tecnico li ruoterà molto spesso in base alla partita e allo stato di forma. Tuttavia in ogni partita viene effettuato sempre almeno un cambio in attacco, per cui almeno tre di loro andranno sempre a voto; può anche capitare che ci vadano tutti e quattro, per esempio nel caso si debba recuperare il risultato e Farias venga utilizzato come trequartista dietro le punte – soluzione troppo pericolosa difensivamente per poterla utilizzare dal primo minuto, ma valida in questo caso.

Per quanto detto sopra, quindi, tutti e quattro gli attaccanti in questione garantiscono molto spesso il voto. Il quinto attaccante, Giannetti, sta sotto di loro nelle gerarchie, e potrebbe andare a voto ogni tanto (da titolare o dalla panchina) in caso di defezioni dei titolari, come successo a Verona o nelle prime di campionato, ma non può dare garanzie da questo punto di vista.

Voti

Dal punto di vista dei voti, gli attaccanti rossoblu riescono spesso a raccogliere sufficienze o insufficienze leggere data la loro propensione al sacrificio e al lavoro sporco, a seconda delle caratteristiche. Dai dati raccolti finora sembra che in particolare le prime punte, vale a dire Borriello e Melchiorri, siano maggiormente premiati dal punto di vista dei voti, un po’ per quanto detto sopra e un po’ perché il primo è stato il maggior realizzatore sinora, mentre il secondo è stato l’ultimo ad arrendersi nelle recenti sconfitte. Leggermente peggio la media di Sau, che paga alcune giornate in cui è mancato di presenza offensiva, anche se mantiene una media accettabile grazie ad alcune sue giocate decisive come gol o assist, o a partite giocate a tutto campo sia offensivamente che difensivamente (per esempio, quella contro la Sampdoria). Per quanto riguarda Farias ci aspettiamo una media voto altalenante, dato che è più di tutti l’attaccante in grado di risolvere una partita con una giocata, cosa che potrebbe portargli un voto molto alto anche senza necessariamente un bonus, ma è anche quello che maggiormente tende a eclissarsi e a rimediare 5 in pagella per questo.

Bonus

Il bomber per eccellenza del Cagliari, e quello con le maggiori possibilità di superare la doppia cifra, rimane Borriello. A suo favore depongono il ruolo di prima punta, l’indiscussa propensione al gol e la possibilità di tirare i rigori, almeno fino al rientro di Joao Pedro. Dopo un inizio col botto sembra essersi fermato, ma questo coincide più con un periodo di stop di tutta la squadra, complici anche i molti infortuni della compagine sarda; appena infatti i rossoblu torneranno a ingranare, Marco dovrebbe tornare a sfornare +3 con discreta regolarità.

Pur con caratteristiche diverse, sia Sau che Melchiorri sono capaci di segnare un buon numero di gol, e cercare almeno di avvicinarsi a quota 10. Il primo un tempo sembrava vedere meglio la porta, ma con l’occasione giusta riesce ancora a colpire, mentre Melchiorri è quello con la miglior media gol/partite giocate, anche se il dato è falsato dal fatto di averne giocate solamente sette; in ogni caso, anche lui sa benissimo dov’è la porta e non si fa problemi a buttarla dentro. Sono inoltre entrambi in grado di portare qualche assist.

Per finire, Farias è l’attaccante da cui ci aspettiamo meno gol tra i quattro, nonostante sia il capocannoniere della squadra della scorsa stagione: da una parte è quello più di tutti capace di inventarsi i gol dal nulla con una giocata, dall’altra è anche capace di mangiarsi gol già fatti. Tuttavia depongono a suo favore anche gli assist, che per caratteristiche è maggiormente propenso a portare rispetto ai compagni, e il fatto che potrebbe contendere i rigori a Borriello fino al rientro del connazionale Joao Pedro. Insomma, magari non ne farà tantissimi, ma non è assolutamente un attaccante allergico ai bonus.

Malus

Per quanto riguarda i malus, non c’è molta differenza tra gli attaccanti: Sau ha iniziato con qualche cartellino giallo di troppo ma non è storicamente propenso a riceverne, mentre Borriello e Melchiorri tendono a non farsi ammonire. Farias invece è risultato il giocatore più ammonito tra i rossoblu la scorsa stagione, complici le eccessive proteste, per cui potrebbe ricevere qualche cartellino giallo di troppo. Per quanto riguarda invece i rigori sia Borriello che Farias hanno una media abbastanza buona, per cui nonostante l’errore dal dischetto dell’attaccante italiano contro la Lazio, non ci aspettiamo molti altri -3.

Conclusioni

Per le ragioni elencate sopra l’appetibilità degli attaccanti del Cagliari è abbastanza omogenea: nell’ordine sarebbero da preferire Borriello, Melchiorri/Sau (questi due circa allo stesso livello) e Farias, anche se la differenza tra un attaccante e l’altro non è così elevata e per esempio, se si ha la sensazione che Farias possa fare meglio di Melchiorri o Sau, ci può benissimo stare seguirla. Fare una coppia garantirebbe sempre un voto e molto spesso due, ma per farla bisogna essere pronti ad affrontare i ballottaggi di settimana in settimana e cercare di capire chi di loro può segnare nella giornata in questione: in altre parole, si può benissimo fare ma può presentare qualche difficoltà di gestione.

In conclusione, gli attaccanti del Cagliari sono acquistabili e sono buoni per gli slot non da titolare o come titolari da alternare, e presi a un prezzo ragionevole possono dare diverse soddisfazioni ai loro possessori.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy