Pagelle Lazio – Chievo 1-2: Vignato e Hetemaj trafiggono i biancocelesti! – Voti Fantacalcio

Pagelle Lazio – Chievo 1-2: Vignato e Hetemaj trafiggono i biancocelesti! – Voti Fantacalcio

La Lazio trova il gol con Caicedo, ma chiude in 9 per l’espulsione di Milinkovic-Savic e Luis Alberto

di Voti Fantamagazine

Primo successo del 2019 per il Chievo che espugna, a sorpresa, l’Olimpico dopo aver subito l’aritmetica retrocessione nella scorsa settimana. Fatale l’uno-due siglato da Vignato e Hetemaj, la Lazio, molta nervosa, reagisce con Caicedo ma deve annotare infortuni (Radu) e due espulsioni comminate a Milinkovic-Savic e Luis Alberto.

PAGELLE LAZIO

Redazione Voti Fantamagazine: Le pagelle Lazio

Strakosha 5,5 – Scalda i guantoni sul tiro dalla media distanza di Leris nel primo tempo. Il portiere biancoceleste subisce, come tutta la squadra laziale, l’uno-due del secondo tempo sugli ospiti: può poco sul tiro di Vignato. Poco reattivo sul colpo di testa di Hetemaj.

Patric 5 – Molti errori in fase di costruzione, concede alcuni contropiedi ai veneti. Non è un caso che Simone Inzaghi lo sostituisca ben prima dell’intervallo.

Acerbi 5,5 – Non ha particolari colpe sui goal subiti, ma come tutta la squadra mostra una fragilità mentale quasi sconosciuta.

Radu 6 – Si fa male dopo un quarto d’ora. Sfortunato l’esterno stopper rumeno che cede il posto al giovane italo-brasiliano Luiz Felipe.

Marusic 4 – Spinge poco, creando davvero poche volte affanni alla retroguardia del Chievo. Ha il demerito di farsi superare dal pallone e di consentire, dunque, ad Hetemaj di impallinare Strakosha con un colpo di testa preciso.

Milinkovic-Savic 3 – Gesto inqualificabile, non è possibile scalciare in quel modo un avversario in una gara che sin da subito si era dimostrata poco semplice per i colori biancocelesti. C’è da dire che anche in campo il centrocampista serbo ha fatto male, mostrandosi distratto e facendosi superare tante volte dagli avversari.

Badelj 5 – L’assenza di Lucas Leiva è vitale, il regista ex Fiorentina riesce in tutti i modi a farlo rimpiangere.

Luis Alberto 4,5 – Mezzo voto in meno per l’espulsione sciocca maturata a gara ormai conclusa. E’ uno dei pochi a imbastire la reazione biancoceleste, ma anche lui non è in un gran periodo di forma.

Durmisi 5 – Ha il merito di servire due ottimi cross per i primi pericoli creati dalla Lazio: nel secondo tentativo Parolo stimola i riflessi di Samper. In occasione del secondo goal clivense, però, offre troppo il fianco al terzino gialloblu.

Caicedo 6,5 – Secondo goal consecutivo dopo quello contro l’Udinese in settimana. Una delle poche note liete della formazione biancoceleste: non molla mai, offre anche la sponda per Correa che coglie il palo al novantesimo.

Immobile 5 – Prosegue il suo momento no: non segna da azione dal 10 marzo. Si offre come assist-man, ma alla Lazio servono i suoi goal a tutti i costi.

Luiz Felipe 5,5 – Non ha colpe sulle reti subite. Anzi ha il merito di creare una delle prime occasioni biancocelesti. Forse meritava di partire dal primo minuto.

Parolo 5 – Pronti, via e sfiora il goal sfruttando l’assist di Durmisi, ma il portiere clivense respinge con i piedi: si fa superare ingenuamente sul goal siglato da Vignato che lo manda al bar con una serie di finte.

Correa 6 – Ha il merito di scuotere la Lazio: il suo ingresso in campo proietta la squadra sempre nella metà campo avversaria. Bravo a sfilarsi sulla rete di Caicedo, sfiora il goal in due circostanze, nell’ultima occasione centra il palo a portiere praticamente battuto.

Pagelle a cura di Mario Ruggiero

PAGELLE CHIEVO

Redazione Voti Fantamagazine: Le pagelle Chievo

Semper 6,5 – Esordio in Serie A quasi perfetto: subisce il goal da Caicedo nella ripresa, ma nel primo tempo aveva chiuso la porta a Parolo. Ha 21 anni, ma l’estremo difensore croato mostra grande sicurezza nei suoi mezzi.

Bani 6,5 – La retroguardia del Chievo subisce pochi tiri in porta quest’oggi anche per un sapiente lavoro da parte di tutta la linea. Nel secondo tempo si cerca di fare densità per evitare la reazione dei biancocelesti che non frutta molto, ad eccezione del goal di Caicedo.

Cesar 6 – Sfiora l’autogoal con una deviazione beffarda. Contiene con molta fatica la reazione veemente della Lazio che si presenta negli ultimi metri poco lucida.

Barba 7 – Una sorta di derby per il giocatore che è cresciuto nelle giovanili della Roma. Un derby vinto data la prestazione maiuscola da parte del difensore classe 1993.

De Paoli 7 – Perfetto l’assist per Hetemaj anche se il merito è da attribuire più ai laziali Marusic e Strakosha che la combinano grossa.

Leris 6,5 – Il primo tiro in porta del Chievo porta la sua firma. Strakosha, però, raccoglie facilmente. Non si ferma mai, cerca di dare sempre una mano a livello dinamico alla squadra.

Rigoni 6 – Gestisce in maniera ordinata la mediana gialloblu, ma nella ripresa è inevitabile il cambio anche per via dell’ammonizione sventolatagli dal direttore di gara.

Hetemaj 7 – Secondo goal in campionato dopo aver siglato la rete contro il Milan. Beffa Marusic e Strakosha con un colpo di testa preciso, ma su cui sia il montenegrino nella chiusura che il portiere albanese nella respinta possono fare molto di più. Corre a pieni polmoni in ogni zona del campo.

Vignato 7 – Padre italiano, madre brasiliana, colpi da urlo. Alla terza presenza consecutiva in questa stagione (la quinta complessiva) il giovanissimo classe 2000 sigla il suo primo centro in Serie A con un goal da trequartista puro: fa ballare il Cha-cha-cha a Parolo e fulmina Strakosha con un preciso bolide destro.

Meggiorini 6 – Grande lavoro di sacrificio tattico per l’esperta punta scuola Inter che mostra più i muscoli che il fioretto.

Stepinski 6 – Prosegue il suo digiuno di goal ma ha il merito di servire con un tacco danzante Vignato che realizza una rete molto bella per il vantaggio clivense. Ha la possibilità di chiudere i conti, ma il suo colpo di testa non inquadra la porta.

Dioussé 6,5 – Di certo più dinamico di Rigoni, l’ex Empoli offre il suo contributo prezioso nel secondo tempo.

Kiyine s.v. – Manciata di minuti per il giovane calciatore ex Salernitana che offre sostegno, tecnica e corsa nelle battute finali.

Pellissier s.v. – Uno dei pochi senatori a non essere esclusi dai convocati, mette a disposizione della squadra tutta la sua esperienza nei minuti finali.

Pagelle a cura di Mario Ruggiero

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy