Ei fu, siccome Immobile…

Ei fu, siccome Immobile…

La poesia del “5 maggio” di Manzoni rivista in chiave… Fantacalcio!

Sommiamo alla ben nota poesia “5 Maggio” di Alessandro Manzoni un pizzico di ironia fantacalcistica. La dedichiamo all’attaccante del Torino, Ciro Immobile, che quest’anno più che mai a causa dei vari infortuni ha fatto urlare al “Mai una gioia“.

Il “5 Maggio” di Alessandro Manzoni

Ei fu. Siccome immobile,
dato il mortal sospiro,
stette la spoglia immemore,
orba di tanto spiro,
così percossa, attonita
la terra al nunzio sta,
muta pensando all’ultima
ora dell’uom fatale.

Il “5 Maggio” rivisto in chiave… Fantacalcio

Ei fu. Siccome Immobile,
tirato il rigore fuori,
stette il fantacalcista immemore,
orbo di tanto bonus,
così percosso, attonito
l’avversario del gruppo sta,
gufando pensando all’ultimo
sessantasei dell’uom fatale.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy