“A me piace volare!” La marcia devastante di Andrea e della sua… Roma

“A me piace volare!” La marcia devastante di Andrea e della sua… Roma

Protagonista nella sua lega privata, il nostro ‘follower’ ci racconta la sua stagione

Il fantallenatore Andrea ci racconta come la sua «Roma» sia prima in classifica ed abbia sancito un record incredibile nella sua lega privata, con ben 22 risultati utili consecutivi. Ciao Andrea. Ci racconti questa tua straordinaria stagione? Finalmente sembra la stagione giusta per mettere tutti in fila. A quanto dici sembra procedere bene. Sei capolista. La squadra ha preso la testa della classifica dopo poche partite e non l’ha più lasciata! Nel tempo abbiamo allargato il “gap” tra noi e le inseguitrici. So che hai stabilito un record di risultati utili senza precedenti: 22 match senza mai perdere. Qual è il segreto? 12 vinte e 10 pari più 4 vittorie su quattro al girone di coppa! Il segreto va visto a trecentosessanta gradi: si parte dall’asta, per arrivare alle scelte azzeccate in settimana. 22 partite sempre a segno con una media di due gol a partita… E il gioco è fatto. Una marcia inarrestabile rispetto anche agli altri concorrenti della tua lega. Ti senti al sicuro? Sei un allenatore più dal basso profilo o cavalchi l’onda con sfottò e affini? Ci sono due tipi di fantallenatori: il superstizioso e il non superstizioso. Ed io faccio parte assolutamente della seconda corrente di pensiero, quindi ogni domenica sfotto il mio avversario senza aver paura di subire lo stesso trattamento nel caso la mia squadra crolli… Insomma mi godo tutte le vittorie e anche le sconfitte qualora arrivassero! C’è chi guarda il dito e chi la luna…. A me piace volare! Nella risposta precedente hai toccato due elementi fondamentali per ogni fantallenatore: l’asta e le scelte settimanali. Che colpi hai messo a segno quest’estate di cui vai fiero?  Quali giocatori invece ti hanno deluso? Ognuno di noi arriva all’asta con il calciatore che vuole tra le sue fila ad ogni costo, e spesso questo ci delude o va al di sotto delle nostre aspettative. I veri colpi che ti fanno fare un salto di qualità costano poco e bisogna saperli chiamare e prendere al momento giusto: uno su tutti Benassi del Torino. Concordo Marco Benassi sta facendo veramente un bel campionato. Ti reputi uno zemaniano con il 3-4-3 esasperato, o valuti il modulo in base all’avversario? Mai basarsi sull’avversario: sinonimo di paura! In campo va la migliore squadra in base alle tue scelte che reputi più idonee per la settimana. Sembri un fantallenatore navigato. Da quante stagioni fai questo gioco? Non lo so più, credo 23-24… Insomma da sempre. E un modo come un altro per essere  in contatto con gli amici di sempre e con chi, nonostante vive fuori dall’Italia, continua a esultare o disperarsi per questo maledetto gioco.class_tappa Il fantacalcio è un gioco che unisce e crea condivisione certamente, ma anche discussioni e momenti di estrema goliardia. Sì le discussioni sono all’ordine settimanale, ma quando arriva la domenica sera il risultato del campo non ammette più repliche. Le discussioni devono o dovrebbero essere costruttive: sai in ogni lega privata si attacca sempre quello che si trova davanti. Come potrai ben immaginare, visti i risultati di quest’anno, di soprannomi me ne hanno assegnati parecchi, di tutti i tipi! Stai già pensando ai festeggiamenti per la vittoria finale? Assolutamente sì. Ad inizio anno promisi che alla vittoria finale sarebbe scattato un giorno in barca da passare tutti insieme; l’unico requisito per salire a bordo è che i fantallenatori dovranno indossare una maglia celebrativa che rappresenterà il dominio assoluto di tutta la nostra cavalcata. Chiaramente non ti svelerò il soggetto della maglia celebrativa, e visto tutto il vento in poppa che ha il mio team prevedo un fine di stagione “al largo”. Fantastico! Vuoi concludere questa tua intervista con qualche parola a tutti i fantallenatori che ti leggono e ai tuoi avversari di lega? Ai fantallenatori dico di prendere questo gioco come un divertimento e non come un pretesto per innescare discussioni o polemiche come spesso accade; ai miei futuri “compagni di regata” consiglio di fare il cambio di stagione e cominciare a mettere il costume che quest anno non ce n’è per nessuno!  Andrea, grazie per il tuo tempo e in bocca al lupo! Grazie a voi… Ma non esageriamo. Crepi solamente l’aquila!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy