Genoa, dopo il mercato chi gioca titolare?

Genoa, dopo il mercato chi gioca titolare?

Analisi fantacalcistica sui giocatori che potrebbero genoani consigliati per il proseguo del campionato

di Stefano Martelli, @Ste1983NO

Il Genoa nel mercato di gennaio si è mosso molto sia in entrata che in uscita con la cessione del suo capocanniere Piatek al Milan e l’ingresso di giocatori importanti nello scacchiere rossoblù come Sturaro e Sanabria. Vediamo insieme agli esperti Genoa del nostro forum come può proseguire il campionato della squadra di Prandelli e quali potrebbero essere i giocatori che possono fare bene nella seconda parte di stagione.

DIFESA, CHI GIOCHERA’?

Innanzitutto possiamo dare quasi per assodato il passaggio alla difesa a 4, nonostante qualche mancanza negli interpreti e qualche aggiustamento ancora da fare e in questo senso potrebbero essere utili gli ultimi giorni di mercato. Per ora i titolari dovrebbero essere quelli visti finora:

Biraschi – Romero – Zukanovic – Criscito


ma lo scarso rendimento di Biraschi in fascia e le evidenti difficoltà in campo aperto di Zukanovic potrebbero costringere la società ad un acquisto. Dovesse essere un centrale, gli farebbe spazio proprio Zukanovic, altrimenti potrebbe trattarsi di un terzino destro, si parla di De Paoli del Chievo, con Biraschi che scalerebbe centrale e sempre Zukanovic in panchina. In difesa in questo senso l’unico che rischia il posto in caso di eventuale arrivo è quindi Zukanovic.

A centrocampo la situazione si fa molto, molto complessa. I numerosi acquisti e i tanti esperimenti tattici non ci danno modo di garantirvi certezze di alcun genere. La partita di ieri vinta per 3 – 1 in casa dell’Empoli è stata alquanto significativa della situazione di confusione tattica attuale: si è partiti con il 4-5-1, passati al 4-2-3-1 ed infine al 4-4-2.

CENTROCAMPO, TANTI GIOCATORI MA POCHE CERTEZZE

Il numero di interpreti davanti alla difesa con i numerosi acquisti e l’ormai esagerato sovraffollamento numerico di centrocampisti centrali (Sandro, Sturaro, Veloso, Rolon, Romulo, Radovanovic, Lerager, Bessa, Mazzitelli) porterebbero a pensare ad una mediana formata da 3 uomini, ma finora la squadra si è innegabilmente espressa meglio con uno schieramento che ne prevedesse solamente 2.

Le prestazioni di Bessa Lazovic, che offensivamente si stanno dimostrando, e lo hanno fatto per buona parte della stagione, come due giocatori quasi irrinunciabili per una squadra sostanzialmente priva di fantasia dalla trequarti in su. La loro presenza costringerebbe quindi Prandelli all’utilizzo di un modulo che punti a sfruttare le fasce laterali (non il 4312, quindi).

In questo senso non è detto che si trovi subito l’assetto giusto, e neanche che se ne trovi uno definitivo, quando si potrebbe mantenere un ventaglio di opzioni per cercare di differenziare la strategia di giornata in giornata, in base all’avversario di turno. Il fatto comunque che Bessa Romulo possono giocare più avanzati, che Sandro Sturaro non saranno subito a disposizione e che Mazzitelli sembra di fatto tagliato fuori dal progetto tecnico ridurrebbe il numero di elementi disponibili a 4 e porterebbe a credere più realistica l’ipotesi 4231. In attesa di Sturaro, che quando in condizioni fisiche decenti sarà quasi certamente titolare, bisognerà innanzitutto valutare Radovanovic Lerager, che sembra un elemento interessante. In questo senso sia Rolon che Veloso rischiano il posto, con il portoghese che chiaramente sembra il più rimpiazzabile al momento.

Non avendo certezze di titolarità, se vi trovate il mercato di riparazione prima della prossima gara il consiglio è quello di lasciare perdere i giocatori meno utili fantacalcisticamente quindi SandroVelosoRolonRadovanovic e probabilmente anche Romulo. Quest’ultimo è vero che potrebbe essere potenzialmente rigorista, è vero che essendo polivalente e potendo coprire più ruoli bene o male anche non dovesse risultare un titolare inamovibile a fine stagione le sue presenze le avrà fatte, ma Prandelli ha dimostrato nelle ultime due giornate, prima in panchina, poi sostituito, che non è al momento un elemento essenziale. E in ottica fantacalcistica un giocatore come Romulo senza la garanzia della titolarità vale veramente poco. Mazzitelli, purtroppo, è da tagliare senza pietà perché inutile per quanto detto prima. Da tenere un po’ più d’occhio questo Lerager su cui Prandelli ha speso buone parole. Di quelli nominati sopra mi sembra il più offensivo potenzialmente, anche se sicuramente non si tratta di un giocatore con il fiuto del gol visto che ha segnato 3 reti in un anno e mezzo da titolare in Francia. Bessa in questo momento sembrano i più sicuri del posto ed anche i più interessanti per quanto concerne i bonus, visto che sembrano agire entrambi molto vicini alle punte. Lazovic come al solito meglio a sinistra che a destra, anche questo è un problema tattico che andrà affrontato. Su entrambi non ci sono certezze in termini di titolarità, ma se volete scommettere su qualcuno al momento loro sono le scelte potenzialmente migliori. Tra i due non c’è una vera e propria preferenza oggettiva: Bessa potrebbe garantire qualcosa in più in termini di bonus, ma come abbiamo visto ieri anche Lazović sa farsi vedere nei pressi dell’area.

ATTACCO, KOUAME CERTEZZA

Davanti Kouamè è presumibile che mantenga gli standard: un gol ogni 4-5 partite, ma con un giocatore più mobile come Sanabria potrebbe migliorare leggermente il suo score personale, titolarità assicurata, buoni voti e qualche assist. Favilli ha tanto potenziale ma anche un fisico non adatto e scommettere su di lui adesso potrebbe voler dire precludersi uno slot fino a fine stagione, come d’altronde è stato finora. Anche dovesse rientrare e trovare un po’ di spazio, di questo passo non potrà mai trovare la continuità indispensabile per una prima punta come lui. Da Sanabria inutile aspettarsi il nuovo Piatek perché ha caratteristiche palesemente diverse, ma sicuramente può essere un bell’innesto in un reparto già solido.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy