Focus on: Raheem Sterling, un grande Europeo per convincere Guardiola

Focus on: Raheem Sterling, un grande Europeo per convincere Guardiola

Stagione negativa per l’attaccante del Manchester City, sotto il peso di quei 68 milioni di euro. C’è aria di rivincita

Una stagione in chiaroscuro, quella appena conclusa per Raheem Sterling. Secondo acquisto più costoso dell’ultimo mercato del Manchester City, il giovane talento proveniente dal Liverpool ha ampiamente deluso le attese, forse anche per l’eccessivo carico di pressioni derivanti dalla cifra spesa dai Citizens per assicurarsi le sue prestazioni. Non deve essere stato facile per un ragazzo classe 1994 (e nato in dicembre) reggere la pressione di essere il calciatore inglese più pagato nella storia del calcio. Vero è che la stagione degli uomini di Pellegrini non è stata esaltante, vuoi per i tanti infortuni, vuoi per un impianto difensivo che ha lasciato molto a desiderare nei lunghi periodi in cui è mancato per infortunio Kompany, però è anche vero che Aguero i suoi goal li ha fatti e De Bruyne, neoacquisto anche lui come Sterling, ha sicuramente avuto un buon rendimento. In questi europei sarebbe dovuto partire come titolare, ma non è detto che Hodgson gli confermi la fiducia a scapito di elementi emergenti o di sicuro affidamento come Alli, Milner e Lallana.

RAHEEM STERLING: CARATTERISTICHE TECNICHE

Sterling è un trequartista che ha nella velocità, tecnica e dribbling le sue caratteristiche migliori. Quando militava nelle fila del Liverpool in coppia con Sturridge ha portato i Reds ad un passo dal titolo di Premier League, con Raheem ispiratore e Sturridge finalizzatore. Ottimo assistman, è meno preciso e lucido davanti alla porta, dove non sempre finalizza al meglio le occasioni che gli capitano. Se in giornata di vena buona, è capace di spaccare in due una partita anche entrando a gara in corso, creando occasioni da rete per i compagni di reparto. In questa stagione, nel Manchester City, è stato utilizzato come esterno sinistro di attacco e le sue statistiche sono peggiorate, così come le sue prestazioni e le sue presenze. 7 goal ed 8 assist nella stagione 2014/2015 con la maglia del Liverpool, dove saltò solo due delle 38 partite di campionato, 6 goal e 2 assist nella stagione appena conclusa in maglia citizen, con un preoccupante calo soprattutto nelle presenze da titolare.

RAHEEM STERLING: CHE UTILITA’ AL FANTAEUROPEO?

In partenza avrebbe dovuto essere un titolare, ma al momento le sue azioni sono in ribasso. L’Inghilterra che si presenta a questo europeo è una squadra che ha nei reparti di centrocampo e attacco i suoi punti di forza e la maggiore concorrenza. Considerando la brevità della competizione (tre partite per qualificarsi agli ottavi, poi scontri diretti) non è assolutamente scontato che Hodgson abbia voglia di concedergli più di un’occasione pertanto, se dovesse fallire alla prima opportunità da titolare, potrebbe scivolare indietro nelle gerarchie a vantaggio di giocatori più solidi e di rendimento certo, come Milner e Lallana. Se giocasse da trequartista potrebbe rivelarsi un buon assistman per Kane e Vardy, ma molto dipenderà da come si presenterà alla competizione e dal suo stato psicofisico. Sulla fascia sinistra avrà meno concorrenza, ma la stagione appena conclusa ha detto che non è il esattamente quello il suo ruolo.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy