Focus on: Blaise Matuidi, un altro polpo per la Francia

Focus on: Blaise Matuidi, un altro polpo per la Francia

Uno dei centrocampisti più completi e sottovalutati dell’Europeo è pronto a mettersi in vetrina

Blaise Matuidi è un calciatore francese di origini angolane, classe 1987, attualmente alla quinta stagione nelle fila del Psg. La sua carriera inizia nelle file del Troyes, per poi passare nel 2007 nel Saint-Etienne dove disputa 4 stagioni fino a diventare capitano. La svolta della sua carriera arriva nella stagione 2011/2012 quando si trasferisce nella capitale francese, al Psg della nuova proprietà qatariota, tra lo scetticismo generale, diventando invece uno dei punti di forza nel centrocampo della squadra parigina. Soprannominato “The Octopus” in Francia, farà coppia in mediana con il “Polpo italiano” Pogba.

Blaise Matuidi: caratteristiche tecniche

È un giocatore duttile, mancino di piede, in grado di ricoprire diversi ruoli del centrocampo. Dotato di buona tecnica e rapidità, è bravo sia nella fase difensiva che in quella offensiva. Ha un’ottima visione di gioco, è bravo nei passaggi sia corti che lunghi, ed a questo abbina una notevole grinta ed abilità nel recuperare i palloni, nel fare pressing e nei contrasti, con una buona capacità di inserimento. Essendo dotato di un buon tiro, quando ne ha la possibilità prova spesso anche la conclusione da fuori area. In conclusione è un centrocampista completo.

Blaiese Matuidi: che utilità al Fantaeuropeo?

Nel centrocampo della nazionale francese Blaise Matuidi è sicuramente un titolare inamovibile per il tecnico Deshamps, che con Diarra e Pogba forma una una linea mediana dove tecnica, potenza fisica-atletica e visione di gioco si combinano perfettamente. Famosa la frase del tecnico della nazionale francese Laurent Blanc quando lo convocò la prima volta “Quando l’ho convocato per la prima volta mi hanno riso in faccia”. Matuidi fece cambiare idea anche a Carlo Ancelotti, che gli preferì Kombouaré. Al tecnico italiano non piaceva e gli disse che non rientrava nei suoi piani, ma Matuidi gli fece capire che si sarebbe ripreso il posto in squadra. Giusto un’anno dopo Carlo Ancelotti gli diede la fascia di capitano e disse “Sì, sono sorpreso. Ma penso abbia sorpreso un po’ tutti. Oggi è importante quanto Ibrahimovic e Thiago Silva”. Insomma Matuidi è il classico centrocampista da prendere per completare il reparto, forse non vi regalerà molti bonus, 6 gol in 37 presenze con la Francia, ma di certo non vi lascerà mai a piedi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy