Lazio, Inzaghi: “Caicedo è sempre positivo”

Lazio, Inzaghi: “Caicedo è sempre positivo”

Il Tecnico biancoceleste parla dopo la vittoria per 1 – 0 contro l’Empoli

di Stefano Martelli, @Ste1983NO

Tempo di conferenza post-partita per il tecnico della Lazio Simone Inzaghi, con la squadra vittoriosa per 1 – 0 contro l’Empoli nell’anticipo della 23a giornata di campionato grazie ad un rigore segnato da Felipe Caicedo. Ecco le parole del mister biancoceleste.

Sulla squadra: “Abbiamo fatto un ottimo primo tempo, poi nella ripresa senza soffrire, però abbiamo lasciato troppo palleggio all’Empoli. Avevamo giocatori che hanno chiesto il cambio alla fine del primo tempo: Milinkovic-Savic e Correa hanno giocato non in perfette condizioni, erano tutti fasciati, Caicedo aveva un problema al polpaccio. Avevo solo tre difensori, con l’aggiunta di Patric che si sta allenando molto bene, Luiz Felipe è tornato solo ieri. Quindi ho dovuto risistemare la squadra con qualche cambio. Onore a questi ragazzi che hanno lottato e vinto due partite molto importanti. È stata una partita simile a Frosinone, bravi a difendere il risultato tutti insieme. Mentre nel primo tempo le due occasioni di Correa e quella di Caicedo, il gol annullato a Caicedo anche se non ho capito il perché sia stato annullato. Però nel complesso sono sei punti molto molto importanti.”

Sul calendario:“Questa partita di giovedì purtroppo lo sapevamo e al di là di 120 minuti della partita con l’Inter e di quella di Frosinone, pensavamo di giocarla di domenica alle 15 come le altre, con qualche giorno in più di recupero e avere la possibilità di riavere giocatori importanti, ma ci siamo adeguati e abbiamo fatto due vittorie molto molto importanti per la classifica, anche se mancano ancora 15 partite e tantissimi punti in palio.”

Su Caicedo: “L’anno scorso è stato un calciatore importante, a volte criticato ingiustamente, avete fatto domande anche a me, ma io l’ho sempre difeso a spada tratta perché è professionista esemplare, che lavora e si sacrifica per la squadra. È sempre positivo, quindi avercene di calciatori come lui. In attacco adesso rientrerà Immobile e poi abbiamo anche Pedro Neto, che si sta facendo vedere molto bene in allenamento e che ci potrà dare soddisfazioni anche lui.”

Sugli infortunati: Immobile e Luis Alberto abbiamo buone possibilità che ci siano contro il Siviglia. Sono da monitorare ogni giorno: oggi li ho voluti tenere con la squadra, sono stati convocati, ma sapevo già da ieri che non avrei potuto utilizzarli. Caicedo mi ha chiesto il cambio a fine primo tempo, Milinkovic uguale. Correa è stato bravissimo a giocare per 96 minuti, aveva un’ampia fasciatura. Anche Romulo mi ha chiesto il cambio a dieci minuti dalla fine. Abbiamo qualche problema, però adesso speriamo che non ci mettano altre partite in questi sette giorni per recuperare. Dopo una settimana intensa, domani ci vedremo perché è importante vederci tutti assieme per stabilire le condizioni dei giocatori. Poi sabato ci sarà un giorno di meritato riposo e da domenica ricominceremo a lavorare in vista della partita di giovedì contro il Siviglia.”

Su Badelj e su Romulo: “Penso che Romulo sia un calciatore molto intelligente, umile, si è già inserito nella squadra. È solo da quattro giorni che è qua, ma è un giocatore molto importante perché può fare anche la mezzala. Centrocampo? Oggi avevo Leiva e Milinkovic, dovevo scegliere uno tra CataldiBadeljBerisha: dimenticavo nel discorso degli infortunati, anche Valon mi aveva chiesto il cambio a un quarto d’ora dalla fine. Sembrerebbero semplici crampi. Ma sono molto contento di come sono entrati Cataldi e Badelj.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy