Lazio, Inzaghi: “Ho 9 indisponibili e Leiva in forte dubbio”

Lazio, Inzaghi: “Ho 9 indisponibili e Leiva in forte dubbio”

Il tecnico biancoceleste ha parlato alla vigilia della trasferta contro il Genoa.

di Fabiola Graziano

È davvero lunga la lista degli infortunati per la Lazio e Simone Inzaghi, che contro il Genoa dovrà fare sicuramente a meno di ben 9 calciatori, molti dei quali titolari. Rimane in dubbio Lucas Leiva, che va verso il forfait vista l’assenza all’allenamento di questa mattina.

LE PAROLE DI INZAGHI

Sugli infortunati:Purtroppo è un momento così. Anche l’anno scorso ci siamo passati, a oggi abbiamo dieci giocatori che non possiamo portare che sono Wallace, Luiz Felipe, Bastos, Parolo, Milinkovic, Luis Alberto, Leiva, Berisha, Durmisi e Lukaku. Ho convocato solo Leiva, nonostante una caviglia gonfia, in disordine, un trauma dell’ultima partita. Domani vedrò se portarlo in panchina. Oggi non era in condizione per potersi allenare. Gli altri nove non sono in lista. Non può essere un alibi, andrà in campo una squadra competitiva contro un Genoa ostico”.

Su Badelj titolare e il ruolo di Lulic e Romulo:Penso che Badelj sarà titolare, anche perché sarebbe entrato col Siviglia se non si fosse fatto male Bastos: avrebbe giocato con Leiva come con l’Empoli. Lulic può fare la mezzala o il quinto, così come Romulo: posso alternarli, valuteremo domani mattina dopo il risveglio muscolare che affronteremo a Genova”.

Sui convocati della Primavera: Stamattina sono venuti 5 ragazzi, ma verrà convocato solo Kalaj, che sarà l’unico difensore in panchina. Gli altri saranno tutti impiegati. Vedremo se utilizzare Patric come terzo centrale o come esterno”.

Sulla formazione: Dobbiamo decidere se giocare a 3 o a 4. Sicuramente giocherà Patric dall’inizio. Davanti giocherà sicuramente Correa, mentre Immobile sta sempre meglio anche se domani mattina dobbiamo valutarlo nel migliore dei modi. Probabilmente avremo ancora bisogno di Caicedo e di Neto in corsa”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy