Juventus, Allegri: “Chiellini gioca, Bentancur è indisponibile”

Juventus, Allegri: “Chiellini gioca, Bentancur è indisponibile”

Il tecnico bianconero ha presentato alla stampa il derby d’Italia.

di Fabiola Graziano

Con il record di 102 punti da inseguire, Massimiliano Allegri si appresta ad affrontare i rivali di sempre con pochi ma validi uomini a disposizione. Difatti, sono tante le assenze per infortunio tra le fila della Juventus campionessa d’Italia per l’ottava volta consecutiva, che per battere l’Inter però potrà contare sul rientro di Capitan Chiellini.

LE DICHIARAZIONI DI ALLEGRI

Sulla partita:Domani è pur sempre Inter-Juventus. Sarà una partita bellissima e dovremo venire via facendo risultato, perché da qui alla fine abbiamo l’obiettivo di continuare a fare punti in queste partite che ci stimolano”.

Tra formazione e indisponibili:Chiellini domani rientra e gioca, Bentancur invece ha un affaticamento muscolare alla coscia. Gli altri stanno bene e sono pronti a fare una bella partita. Se gioca Bernardeschi, il cambio sarà Kean, sennò viceversa. Abbiamo anche Spinazzola. Esperimenti tattici? Non ne faccio domani. Ho due cose che mi incuriosiscono di più: una è Bernardeschi mezzala, perché vorrei cercare di capire se può farlo, anche se ci vuole un equilibrio mentale che non ha ancora raggiunto, mentre l’altra è Cancelo mezzala perché è uno che ha gol nelle gambe e tiro. Poi ci sono Emre Can in difesa, che ho già provato, e Cuadrado mezzala: su Emre Can bisogna capire se può stare in difesa nelle partite in cui bisogna difendere. Sono più o meno queste le cose che voglio vedere”.

Su Douglas Costa: Che posso dire, ha giocato le prime quattro partite e poi non ha più giocato. È un giocatore importante, è un giocatore soprattutto da Champions, ma è stato sempre infortunato. Non so neppure se è biondo o moro, non l’ho più visto”.

Sull’incontro con Agnelli:Dobbiamo programmare e creare degli obiettivi nuovi di crescita per tutti. Va analizzato quello che è andato bene e male durante la stagione e valutare. Bisognare creare i presupposti perché pure l’annata futura sia vincente“.

Tra Champions e Campionato:La Champions è una competizione talmente bella quanto bastarda, perché se arrivi a quel momento non nelle migliori condizioni la paghi. Abbiamo fatto bene fino alla sosta invernale, poi abbiamo avuto tanti infortunati, abbiamo ripreso e vinto la Supercoppa, ma è stato sempre un rincorrere questi infortuni. Già con l’Atlético abbiamo fatto una partita fuori dall’ordinario, ma anche dopo l’Atlético abbiamo continuato ad avere infortuni. Quest’anno non è stata un’annata facile e, se non spingevamo sull’acceleratore in Campionato, rischiavamo pure lì”.

Su Icardi:Mauro è un giocatore straordinario. Se giocherà, bisognerà essere bravi a non concedergli niente”.

Su Marotta avversario:Domani avrò il piacere di incontrarlo di nuovo. Con lui ho passato quattro anni importanti, bellissimi: con lui, Paratici, il Presidente e Nedved abbiamo fatto un ottimo lavoro di crescita della società e questo credo sia un gran risultato. Siamo professionisti: le strade possono dividersi, ma questo non toglie quanto di buono fatto all’interno della stessa società”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy