Inter, Spalletti: ”Nainggolan verrà preservato. Sul centrocampo dico che… ”

Inter, Spalletti: ”Nainggolan verrà preservato. Sul centrocampo dico che… ”

Le parole del tecnico nerazzurro in vista dell’anticipo di domani sera contro la Juventus

di Claudio Cutuli, @cutuli4

Vigilia del derby d’Italia per Luciano Spalletti e la sua Inter, che nella consueta conferenza stampa non ha lasciato trapelare indicazioni sul possibile undici che si opporrà alla capolista Juventus. Nainggolan non recupera e verrà preservato, mentre sui due centrocampisti che potrebbero partire titolari nel 4-2-3-1 il trainer di Certaldo non si è sbilanciato più di tanto.

INTER, LE PAROLE DI SPALLETTI

Sulle certezze dell’Inter: ”Se pensi di dissuarderci hai perso. Noi ci presenteremo lì convinti, mi porto dietro certezze: la squadra cresce e va a caricare qualcosa di più completo a livello di atteggiamento”.

Sugli indisponibili: ”Nainggolan e Dalbert rimangono fuori, non recuperano. Sicuramente sono migliorati, ma hanno bisogno di altro tempo”. 

Sulle scelte contro la Roma”E’ stata la prima partita dove ne’ Vecino ne’ Gagliardini sono stati titolari, ed è una soluzione utile nell’andare a  costruire qualcosa di più, in fase di palleggio, perdendo un po’ di fisicità. Però è andata a buon fine, potrei riproporla”.

Sulla Juventus: ”E’una squadra che tutti gli anni mette dentro calciatori che possono fare la differenza rispetto all’anno precedente. Tre anni fa vennero a prendere Pjanic, l’anno scorso hanno preso Cancelo, dal Napoli hanno preso Higuain. Sono dettagli importanti per una crescita verticale di una squadra. Quest’anno, poi, Ronaldo ha innalzato ancora di più il livello, portando una mentalità vincente all’interno dello spogliatoio”.

Su come si ferma Cristiano Ronaldo: ”La Juventus non è solo Cristiano Ronaldo, ma c’è un’organizzazione corale importante. Chiellini è un calciatore fenomenale, perchè in 5 minuti contro la SPAL ha avuto un grande atteggiamento. Lui è il reparto, lo fa da solo. La Juve ha molti leader”.

Su Marotta: ”Per spiegargli l’interismo gli direi che ”noi siamo i fratelli del mondo”. Lui è già proiettato per la sua esperienza verso questo guardare in maniera lungimirante, ci può dare molto”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy