Inter, Spalletti: “Icardi non convocato. Vi svelo chi può giocare come prima punta”

Inter, Spalletti: “Icardi non convocato. Vi svelo chi può giocare come prima punta”

L’allenatore nerazzurro ha spiegato le motivazioni legate all’esclusione di Icardi, vittima di un guaio al ginocchio.

di Claudio Cutuli, @cutuli4

Vigilia di campionato per mister Spalletti, che dopo aver centrato la vittoria in Europa League contro il Rapid Vienna inizia già a preparare la gara casalinga con la Sampdoria. In conferenza ha tenuto banca la ”querelle” Icardi, privato della fascia di capitano pochi giorni addietro in favore di Handanovic. Ecco le parole del tecnico nerazzurro:

Sulla questione Icardi: “Per noi è stata una scelta molto dolorosa e difficile, ma per il ruolo che hai quando professionalmente ti chiami in un modo in un contesto, la cosa fondamentale è essere giusti. E’ una questione di correttezza per quello che riguarda l’Inter e il gruppo. E’ stata presa una decisione che non è contro Icardi, è a favore dell’Inter”.

Sulle condizioni di Icardi e Keita: “Icardi ha un problema al ginocchio, non è in condizione di giocare e non sarà convocato per questo motivo. Anche per Keita sono sorte altre difficoltà e ci vorrà qualche giorno in più rispetto a quanto preventivato per rivederlo in campo”.

Sui cambiamenti tattici: “Ci sarà da vedere se Lautaro ha quella cattiveria agonista davanti alla porta come Icardi. Però sono due giocatori molto simili. gli ingredienti ci sono tutti e Lautaro è uno che ha una personalità forte. Fino a quando Icardi resta all’Inter dobbiamo essere bravi a far coesistere i due e tramutare il tutto per il bene della squadra. Dentro a questi obiettivi ci sono i gol che hanno fatto entrambi”.

Sulle soluzioni offensive senza Icardi: “In avanti ci sono diverse soluzioni: quelle che si hanno a disposizione erano già note e analizzate, Politano con Iachini ha fatto la prima punta di movimento insieme a Berardi aprendosi verso l’esterno. Lui la palla nello stresso la sa gestire, ha bisogno di muoversi e lo sa fare. Ce ne sono anche altri che lo possono fare, Perisic per fisicità ad esempio può farlo. Ma noi confidiamo sempre nella ragione, ovvero nel poter utilizzare tutto quello che si ha a disposizione. Compreso Icardi. Lautaro deve stare attento a togliersi la maglia, sono ingenuità che poi si pagano”.

Sulla fascia da capitano: “Ranocchia è il vero capitano del nostro spogliatoio, lui si è messo di traverso per il bene dell’Inter a volte. Per il resto, dentro la squadra i leader sono quelli che si notano solo nel momento del bisogno. Handanovic è il profilo ideale. I discorsi che riguardano Icardi passano in secondo piano, noi ugualmente dobbiamo esibire la nostra professionalità senza risparmiare neanche un briciolo d’energia. Bisogna vincere per il bene dell’Inter. L’autore del gesto da condannare di stamani è stato denunciato e speriamo venga preso”.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy