Fiorentina, Pioli: “Simeone sta bene, così come Muriel. Su Chiesa dico che…”

Fiorentina, Pioli: “Simeone sta bene, così come Muriel. Su Chiesa dico che…”

In vista dell’incontro tra Fiorentina e Sampdoria, mister Pioli ha rilasciato le proprie dichiarazioni in conferenza stampa

di Fabio Cancemi

Match molto interessante, quello che andrà in scena domenica alle 15 e che vedrà impegnate Fiorentina e Sampdoria. La partita, potrebbe rappresentare un’importante chance per le ambizioni europee delle due compagini e sicuramente è in grado di riservarci sorprese e spettacolo. I toscani, che non vincono da due partite, cercheranno di sfruttare il fattore casa, contro una Sampdoria particolarmente agguerrita e ostica.

FIORENTINA, LE DICHIARAZIONI DI PIOLI

Su Simeone e Muriel: Simeone sta bene, mentalmente e fisicamente. Giovanni ha il grande pregio di essere sempre sereno e positivo, sta dimostrando di saper reagire alle difficoltà con carattere e positività. E’ questo l’atteggiamento da tenere per giungere ai miglioramenti. Muriel sta bene, si è presentato in buone condizioni, non so se ha già i 90′ nelle gambe, ma sta bene e ha molto entusiasmo.”

Sulla corsa all’Europa League “Dobbiamo cercare di superare nel ritorno le squadre che sono davanti. Torino, Atalanta, Samp, le altre. Ma non dobbiamo farci prendere dall’ansia per il risultato. Anche se è vero che in caso di risultato negativo le distanze aumenterebbero. Possiamo vincere solo impegnandoci al 100% e lottando su ogni pallone”

Su Chiesa“Domenica ha dato segnali importanti, ha avuto due occasioni e ha avuto la freddezza che magari in altre occasioni è mancata. Poteva aver fatto più gol, ma ci sono ancora 19 partite e quindi tutti gli attaccanti hanno la possibilità di rimpolpare il bottino di reti, se lo meriterebbero. Mi aspetto grandi cose dai miei attaccanti. “

Su Veretout e il centrocampo“Io pesco tra gli uomini a disposizione, e ho alternative di valore. Non so chi arriverà dal mercato, ma dovessimo rimanere così ho la possibilità di mettere in campo un centrocampo fisico, di inserimento, di qualità, è mio compito farli andare al massimo. La mia è una squadra che ha equilibrio e subisce poco. Con Veretout regista o interno non cambia molto. “

Sul mercato e il possibile ritorno di Badelj: “Nutro tanta stima e affetto per Milan sia come giocatore che come persona. Lui ha il mio numero ma al momento il telefono non ha squillato. E la risposta per ora la rimandiamo….”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy