Fantamondiale Russia 2018: la scheda del Marocco

Fantamondiale Russia 2018: la scheda del Marocco

Il Marocco, inserito nel girone B assieme a Spagna, Portogallo e Iran, dovrà fare letteralmente un’impresa per passare il turno.

di Valerio Blasi Xella

Il Marocco si trova nel girone B composto da Spagna, Portogallo e Iran. Le possibilità di passare il turno sono poche. Le favorite per sbarcare agli ottavi di finale sono Portogallo e Spagna, che si contenderanno verosimilmente il primo e il secondo posto. Nonostante ciò, il Leoni dell’Atlante, come vengono chiamati, faranno di tutto per stupire il mondo. Il Marocco è una squadra piena zeppa di talenti, molti dei quali cresciuti nei vivai europei. I giocatori più interessanti sono Hakim Ziyech, la stellina dell’Ajax, e Medhi Benatia, il difensore della Juventus. In panchina siede un vero e proprio guru del calcio africano, quel Hervé Renard capace di vincere due volte la Coppa d’Africa sulle panchine di Zambia e Costa d’Avorio. Il tecnico francese si schiera prevalentemente con il 4-3-3, 4-2-3-1 o 3-4-2-1 a seconda delle partite.

MAROCCO

Immagine

La probabile formazione (3-4-2-1): Munir; Benatia, Da Costa, Saiss; Dirar, El Ahmadi, Boussoufa, Mendyl; Ziyeh, Belhanda; Boutaib.

Il portiere titolare dovrebbe essere El Kajoui Munir, anche se a insidiarlo ci sarà Bounou. Terzo portiere Reda. 

La linea difensiva (in caso di schieramento a 3) vedrà Benatia a destra, Da Costa al centro e Saiss a sinistra. Nel caso il Ct Renard optasse per la difesa a 4, accanto all’inamovibile Benatia ci sarebbe Saiss. I terzini o esterno alti saranno Dirar a destra e Mendyl a sinistra.   

Il centrocampo sarà composto da El Ahamdi e Boussoufa come primo e secondo mediano.

I trequartisti alle spalle della punta saranno Ziyech e Belhanda. Harit, il giovane talento dello Schalke 04, sarà uno dei primi cambi a disposizione per sparigliare le carte.

In attacco la punta titolare sarà Boutaib. El Kaabi, Bouhaddouz e Carcela potranno trovare spazio a partita in corso.

Immagine

Benatia: capitano e stella indiscussa della squadra per esperienza e carisma. Il girone si presenta difficilissimo, quasi impossibile. Ma se c’è un giocatore che può guidare la squadra al miracolo, questi è proprio il “nostro” Benatia.

Ziyech: giocatore meraviglioso. Tecnica, dribbling e calci di punizione sopraffini. Anima e cuore del reparto offensivo marocchino. Sarà il rigorista principale. Se il Marocco dovesse segnare, state sicuri che ci sarà il suo zampino.

Immagine

Munir/Bounou: Mounir è stato il portiere titolare durante le qualificazioni, ma ha giocato poco con il suo club, a differenza di Bounou che si è reso protagonista di una buona stagione con il Girona. I marocchini non hanno subito neanche un gol durante le qualificazioni, ma se la vedranno prima contro Ronaldo e compagni e poi contro la Spagna, senza dimenticare l’Iran che davanti ha dei buoni giocatori. I gol subiti saranno tanti e questo ci spinge a sconsigliare entrambi.

Immagine

Harit: Il futuro del calcio marocchino. Trequartista ventenne nato e cresciuto in Francia, con la quale ha giocato in tutte le nazionali giovanili. Acquistato la scorsa estate dallo Schalke 04, ha disputato un’ottima stagione in Bundesliga, mettendo a segno 3 gol e 7 assist in 31 partite. E’ giovanissimo e non parte titolare, ma si sa: è proprio in questi palcoscenici che le semplici comparse possono trasformarsi in attori protagonisti!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy