• ECCO FANTAHUB, LA NUOVA APP DI FANTAMAGAZINE E DE LA GAZZETTA DELLO SPORT!

Sampdoria-Juventus, le Fantapills: l’uomo del +3 è Cuadrado!

Sampdoria-Juventus, le Fantapills: l’uomo del +3 è Cuadrado!

Le Fantapills della sfida pomeridiana tra Sampdoria e Juventus, valida per la 29a giornata di Serie A.

Commenta per primo!

Dopo la disastrosa trasferta contro i rossoblu dell’ormai ex tecnico Juric, la Juventus è tornata a Genova per il match domenicale contro la Sampdoria e stavolta è riuscita ad agguantare la vittoria, malgrado il calo fisico e mentale del secondo tempo. Difatti, a Marassi è finita 1-0 grazie alla rete di Juan Guillermo Cuadrado, arrivata dopo appena sette minuti di un primo tempo giocato ad alti ritmi dai bianconeri di Massimiliano Allegri che non sono riusciti a dilagare per merito di un sempre vigile Puggioni. Poi, nella ripresa l’armata juventina si è spenta poco a poco, probabilmente per via delle scorie post-Champions non ancora del tutto smaltite, e ha lasciato campo ai blucerchiati che tuttavia non sono riusciti ad approfittarne. Vediamo allora assieme i principali protagonisti di questa sfida attraverso le nostre Fantapills.

CUADRADO: dopo Lione e Inter, il colombiano si è preso anche il merito del successo contro la Sampdoria. E se è vero che tre indizi fanno una prova, allora è altrettanto vero che quest’anno il numero 16 bianconero ha deciso di mettere a segno soltanto goal pesanti, di quelli che regalano i tre punti alla Vecchia Signora oltre che il +3 ai suoi fantapossessori. Elemento davvero imprescindibile per il 4-2-3-1 di Allegri e per le vostre fantarose: le sue accelerazioni sulla fascia spesso si tramutano in assist e le sue incursioni in area sono fonte di goal per sé o per i compagni di reparto. Fate vobis, ma poi non dite che non vi avevamo avvisato!

ASAMOAH: da una fascia all’altra. Perché se l’unico goal della giornata è arrivato dall’ala destra, l’assist per lo stesso è stato sfornato proprio dal terzino sinistro. E non è stata la sola perla della partita del ghanese: vincitore di quasi tutti i contrasti con gli esterni blucerchiati, ha sfoggiato anche delle preziose diagonali che hanno evitato il pareggio avversario. In un paio di occasioni ha perso palla in alcune zone pericolose del campo, ma ha prontamente rimediato subito dopo, con Allegri e Buffon che sentitamente lo hanno ringraziato per l’infarto scampato. In eterno ballottaggio con Alex Sandro, l’impressione è che nelle ultime uscite abbia fatto leggermente meglio Asamoah del brasiliano: certamente il continuo tandem tra i due continuerà fino alla fine della stagione, ma qualcosa ci dice che nelle occasioni che avrà a disposizione anche Kwadwo potrà lasciare il segno, proprio come ieri.

DYBALA: eccola qui la nota stonata del pomeriggio bianconero. E non perché la Joya si sia macchiata una brutta prestazione, anzi: fino al 27′ Dybala aveva dato prova di essere in giornata, tessendo trame di gioco di pregevole fattura e dialogando alla perfezione con il resto dell’attacco bianconero, in particolar con Higuain e Cuadrado, con i quali aveva già impensierito più volte l’estremo difensore blucerchiato. Poi, però, si è accasciato al suolo e ha chiesto il cambio per via di un indurimento al flessore. In attesa di un bollettino medico ufficiale che dia buone notizie a Mister Max e ai suoi fantallenatori, è doveroso riportare che dall’ambiente trapela un certo ottimismo sulle condizioni dell’argentino, tant’è che probabilmente risponderà comunque alla chiamata della sua Nazionale.

PUGGIONI: tiene a galla i suoi per tutti i novanta minuti, impedendo ai bianconeri quel raddoppio che avrebbe chiuso i conti e spento ogni speranza di provare a portare a casa almeno un pareggio. Ottimi interventi su diverse conclusioni di Higuain e Dybala, ma nulla ha potuto sul colpo di testa forte e ravvicinato di Cuadrado. Tuttavia, per lui un’ampia sufficienza in pagella davvero meritata.

QUAGLIARELLA: ci prova fino allo scadere, in tutti i modi. Rasoterra velenosi e rovesciate da manuale terminano a lato di poco, rendendo stregata la porta di Buffon. Peccato che la stessa sorte sia toccata anche ai suoi compagni di reparto che non colgono i suggerimenti in area dello stesso numero 27 blucerchiato.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy