Casa Palermo: esonerato De Zerbi, arriva Corini in vista di Firenze

Casa Palermo: esonerato De Zerbi, arriva Corini in vista di Firenze

Report del mercoledì: tutte le ultime news dalla sede rosanera.

Sconfitta pesantissima per il Palermo di De Zerbi contro lo Spezia ai rigori per 4-5. Zamparini non ha gradito ed ha esonerato il tecnico, regalando così un graditissimo ritorno al popolo rosanero. Eugenio Corini è infatti il nuovo allenatore del Palermo. Da domani primo allenamento in vista del match del Franchi, contro la Fiorentina.

PALERMO: REPORT COPPA ITALIA

RISULTATO: Palermo-Spezia 0-0 (4-5 dcr)

De Zerbi sceglie il 4-3-3 con Fulignati in porta. Difesa affidata a Rispoli e Pezzella sulle fasce mentre al centro agiscono Goldaniga e capitan Vitiello. A centrocampo Hiljemark, Gazzi e Bouy mentre con Quaison in attacco ci sono Lo Faso e Sallai.

Le prime due occasioni del match arrivano tra il 10’ e l’11. Prima è Baez a presentarsi a tu per tu con Fulignati che è perfetto in uscita bassa, poi è Sallai a provarci col destro in area di rigore ma Chichizola devia in calcio d’angolo. L’approccio al match del Palermo è comunque positivo, sia in fase di possesso palla che di pressing nella metà campo avversaria. Al 26’ buona chance per Cisotti che si gira bene in area di rigore ma non trova la porta col destro. Lo Spezia finisce meglio il primo tempo con due occasioni capitate a Baez e ancora Cisotti, il Palermo ci prova ma in maniera non continua. Senza recupero terminano i primi 45’.

Nel secondo tempo i ritmi non cambiano. E’ sempre la squadra di De Zerbi che prova a fare la partita ma lo Spezia si difende in maniera ordinata e cerca di ripartire rapidamente in contropiede. Al 12’, tentativo di Sallai deviato in corner da Ceccaroni. Tredici minuti dopo, Fulignati salva sul tiro da posizione ravvicinata di Cisotti. Intanto, dentro Diamanti la posto di Lo Faso. Poi è la volta di Aleesami che subentra a Bouy.

I rosanero tengono in mano il pallino del gioco ma la prima vera occasione della ripresa arriva al 42’: azione personale insistita di Hiljemark che serve Sallai il cui destro non trova la porta di poco. Ungherese ancora protagonista nel primo minuto di recupero, quando da pochi metri impatta male il pallone. A pochi secondi dalla fine, sinistro a giro di Diamanti che dà soltanto l’illusione ottica del gol. Si va ai supplementari.

Balogh prende subito il posto di Pezzella, ma è ancora Diamanti a sfiorare la rete del vantaggio con un sinistro su assist di Sallai. Il 23’ ci prova anche su calcio di punizione, ma Chichizola dice di no. Il Palermo resta in dieci, invece, nel secondo tempo supplementare. Doppia ammonizione per Vitiello tra il 3’ e il 9’, non ha dubbi Aureliano. Si va ai rigori.

Nel Palermo segnano Diamanti, Hiljemark, Aleesami e Quaison. Balogh ha sul destro il rigore decisivo considerato l’errore di Galli, ma Chichizola dice di no. Si va ad oltranza con Goldaniga che fallisce e Migliore che non perdona. Palermo eliminato.

PALERMO: REPORT INFORTUNATI E SQUALIFICATI

Alessandro Diamanti, Edoardo Goldaniga e Giancarlo Gonzalez sono stati squalificati per una giornata dal Giudice Sportivo. I tre rosanero salteranno la sfida di domenica sera contro la Fiorentina. Accursio Bentivegna, Carlos Embalo e Aleksandar Trajkovski hanno svolto un lavoro differenziato e si sono sottoposti alle cure dei fisioterapisti.

PALERMO INTERVISTE: ZAMPARINI

Il Presidente ha rilasciato un’intervista a La Repubblica, spiegando le motivazioni del cambio in corsa: “È stato uno spettacolo penoso. Penosa la squadra e penoso l’allenatore. Il giorno prima della partita gli avevo mandato un sms dicendogli che non m’interessava nulla della partita con la Fiorentina e che quello con lo Spezia era un passaggio molto delicato dal punto di vista psicologico. Per questo motivo gli ho chiesto di fare giocare tutte le prime linee. E lui cosa ha fatto? Ha schierato una squadra con tante riserve. Sono certo che lo ha fatto per farsi cacciare e, a questo punto, chiederò la risoluzione del contratto per gravi inadempienze. Sono molto deluso perché questa, più che un offesa a me, è un’offesa al pubblico di Palermo e alla sua passione“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy