Conferenza Milan – Gattuso: “Kalinic e Suso sono recuperati”

Conferenza Milan – Gattuso: “Kalinic e Suso sono recuperati”

Il tecnico rossonero ha parlato alla vigilia della partita di domani pomeriggio contro il Napoli.

di Stefano Giustini, @Alobrasil74

Il mister rossonero Gennaro Gattuso ha parlato nella sala stampa del centro sportivo di Milanello in vista della delicata sfida di domani pomeriggio contro il Napoli di Maurizio Sarri. Da Kalinic a Suso, da Zapata a Musacchio, vediamo gli spunti più interessanti per il Fantacalcio.

LE DICHIARAZIONI DI GATTUSO

Su Kalinic: “Ha avuto un piccolo dolorino, ma la risonanza è stata negativa. L’ho visto bene, come gli altri due attaccanti. Domani vediamo chi mettere in campo, lui e Suso hanno avuto qualche problemino, ma è tutto rientrato“.

Su Donnarumma in maglia rossonera: “Sono orgoglioso di lui. Adesso comincia il bello. Negli ultimi anni ha fatto 100 partite ed è incredibile, ora ha l’obbligo di diventare il più forte al mondo lavorando con serenità. C’è affetto e protezione totale per lui, si fa voler bene, e un errore ogni tanto ci sta. Deve alzare l’asticella, ha tutto per diventare il più forte al mondo“.

Su Zapata e Musacchio: “Abbiamo provato qualche movimento che fa il Napoli con loro, ma ho molta fiducia in loro. Cristian farà il Mondiale tra due mesi, Mateo è un professionista vero e sono tranquillo. Hanno sempre lavorato al massimo, magari avranno delle difficoltà ma sono cose che potrebbero subire tutti“.

Su un possibile turnover: “In questo momento voglio consolidare quello che sappiamo fare bene, per questo molte volte la scelta è quella della continuità, poi se vai a vedere molte volte ho cambiato, tra infortuni e scelte in attacco. Mi fido di tutti, ma provo a mettere gli stessi il più possibile per non perdere certezze“.

Sul modulo: “Quando ti mancano i due centrali che hanno giocato tutte le partite, hai poco da inventarti e poi a me non piace fare le cose da arruffone, non è che ti svegli la mattina e fai una cosa così, senza un lavoro dietro. Si è visto quando abbiamo messo la difesa a tre“.

Su come sta la squadra fisicamente e mentalmente: “Dopo tre mesi di tante vittorie, iniziavano a piacerci certi risultati. Dopo gli ultimi punti ho visto un po’ di tristezza ma dobbiamo continuare, non possiamo lasciare nulla al caso. Il peggio è quando vedo i miei ragazzi con le infradito e i pantaloncini corti, quando invece sono incazzati è un bel segnale“.

Sulla partita di domani:Il loro palleggio ti fa venire il mal di testa, sanno dove vogliono arrivare e come farlo. La linea difensiva è uno spettacolo e scappano sempre alla perfezione, se sbagli ci sbatti sempre conto.

Su come si affronta Sarri: “Maurizio è un maestro, ha portato qualcosa di nuovo, entra tra i grandissimi allenatori italiani, quelli che hanno cambiato qualcosa nel gioco del calcio. Per domani come dicono in Lombardia… sperem“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy