Casa Juventus: Coppa Italia tra le mani, ma dubbi in difesa e a centrocampo

Casa Juventus: Coppa Italia tra le mani, ma dubbi in difesa e a centrocampo

Report del venerdì: tutte le ultime news dalla sede bianconera, tra la conquista della terza Coppa Italia consecutiva e la necessità di chiudere il discorso Campionato contro il Crotone.

Commenta per primo!

“1 di 3”. Si potrebbe assegnare questo titolo all’ultima settimana della Juventus. Difatti, dopo aver fallito il primo match point di Campionato contro la Roma, la squadra di Massimiliano Allegri ha raggiunto il primo vero traguardo della stagione, battendo in finale di Coppa Italia la Lazio e stabilendo così il record delle tre vittorie consecutive di questo trofeo. Ora la mente è libera di andare a domenica (21 maggio alle 15:00, ndr), quando i bianconeri ospiteranno il Crotone in piena corsa salvezza e dovranno necessariamente guadagnarsi i tre punti per non complicare ulteriormente la corsa al sesto scudetto consecutivo e per poter aggiornare il titolo della prossima settimana a “2 di 3”. Ovviamente in attesa di Cardiff.

JUVENTUS: REPORT ALLENAMENTO

Settimana frenetica dunque per i Campioni d’Italia in carica, che già il mattino seguente alla sconfitta contro la Roma hanno iniziato la preparazione per l’importante finale di Coppa Italia contro la Lazio. In via del tutto eccezionale quindi, non hanno fatto ritorno a Torino e hanno svolto le proprie sedute di allenamento sui campi dell’Acquacetosa. Martedì mattina sono stati accolti, assieme ai biancocelesti e ai rappresentanti della FIGC, in udienza da Papa Francesco, mentre nel pomeriggio è stato tempo di rifinitura e conferenza stampa della vigilia. Sconfitta per 2-0 la squadra di Inzaghi, i bianconeri hanno potuto far festa in campo con il primo obiettivo stagionale agguantato. In nottata si è fatto poi ritorno a casa, dove ieri mattina sono ripresi gli allenamenti in vista dell’ultimo match allo Stadium di questa stagione. Per l’occasione, si è assistito al consueto lavoro di scarico per i titolari in TIM Cup e a una sessione incentrata sul pallone per il resto del gruppo. Questa mattina tecnica e tattica l’hanno fatta da padrone tra le mura dello Juventus Training Center di Vinovo, dove sta maturando sempre più la consapevolezza che i tre punti contro il Crotone consentirebbero ai ragazzi di Allegri di diventare leggenda con il sesto scudetto consecutivo cucito sul petto.

JUVENTUS: REPORT COPPA ITALIA

RISULTATO: JUVENTUS-Lazio 2-0

JUVENTUS (4-2-3-1): Neto; Barzagli, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Marchisio, Rincón; Dani Alves, Dybala (78′ Lemina), Mandzukic; Higuain.

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Bastos (53′ Felipe Andreson), De Vrij (69′ Luis Alberto), Wallace; Basta, Milinkovic Savic, Biglia, Parolo (21′ Radu), Lulic; Keita, Immobile.

Venticinque minuti. Alla Juventus è bastata meno di una mezzora di gioco per chiudere la pratica Lazio e portarsi a casa il primo trofeo della stagione. E pensare che la serata non era partita nel migliore dei modi con il palo alla destra di Neto centrato da Keita qualche minuto dopo il fischio d’inizio. Poi però è salita in cattedra l’armata bianconera che, dopo aver impegnato i guantoni di uno straordinario Strakosha con Higuain e Dybala, è passata in vantaggio al 12′ grazie a un asse completamente brasiliano: ricevuta palla sulla trequarti sinistra, Alex Sandro ha sfornato un assist al bacio per Dani Alves che sulla parte opposta del campo con il suo diagonale al volo ha trafitto l’estremo difensore biancoceleste, confermando la sua straordinaria forma fisica del momento. Al 25′ poi, dalla bandierina Dybala ha fatto partire il traversone la cui traiettoria è stata prolungata di testa dal solito Alex Sandro che, nelle vesti di assist-man della serata, ha servito Bonucci che dall’area piccola non ha potuto sbagliare. Nella ripresa la Juve, sopra di due goal, ha atteso invano le mosse della Lazio, che di fatto ha creato veramente poco per i restanti quarantacinque minuti. Al triplice fischio finale, dunque, l’armata bianconera ha potuto sollevare la sua dodicesima Coppa Italia, nonché la terza consecutiva: mai nessuno prima della Juventus di Allegri era riuscito in una tale impresa.

juventus

JUVENTUS INTERVISTE: ALLEGRI NEL POST-LAZIO

Pertanto, un Massimiliano Allegri visibilmente orgoglioso dei suoi ragazzi è quello che ha commentato a caldo il primo trofeo conquistato in questa stagione: Bisogna fare i complimenti ai ragazzi per quello che hanno fatto: allegri-juventusstasera è stata una bellissima partita, con un primo tempo straordinario contro un’ottima Lazio. Stasera abbiamo riscattato la prestazione poco attenta di domenica scorsa, iniziando bene la settimana. Domenica abbiamo un altro impegno importante per chiudere il Campionato: contro il Crotone sarà una sfida difficile, perché hanno fatto 17 punti in sette giornate e stanno lottando per salvarsi, e noi dovremo giocare una bella partita. Stasera dopo un primo tempo in cui abbiamo speso molto, giocando a ritmi molto alti, il secondo tempo ci è servito per fare una buona fase difensiva, contro la Lazio che ha fatto una bella partita. Se la Juventus stasera ha vinto la terza Coppa Italia consecutiva il merito è di tutti i ragazzi, che hanno fatto finora un’ottima stagione… che ora bisogna far diventare grande. Per lo scudetto manca ancora una vittoria e bisogna assolutamente ottenerla contro il Crotone: ci sarà bisogno anche di tutti i nostri tifosi che saranno presenti allo Stadium perché domenica bisogna vincere il Campionato“.

JUVENTUS: REPORT INFORTUNATI, SQUALIFICATI E DIFFIDATI

– Sami Khedira: problema muscolare al flessore della coscia sinistra. Da valutare.

Daniele Rugani: infrazione della corticale della testa del perone. Da valutare nel corso delle settimane. Probabile stagione finita per lui.

Marko Pjaça: rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio destro. Out dai sei agli otto mesi. Probabile rientro novembre-dicembre 2017.

Restano in diffida Chiellini e Rincón (ai quali si somma anche l’infortunato Rugani).

FANTAPILLS

fantapillsGonzalo Higuain: con Dzeko e Icardi probabilmente fuori dai giochi per infortunio, il Pipita può e deve approfittare della loro assenza per dare l’assalto anche al titolo di capocannoniere di questa stagione.

Buffon/Neto: proprio ritorno tra i pali del Capitano, visto anche l’impiego del brasiliano nella finale di TIM Cup.

Difesa: il quartetto Lichtsteiner-Bonucci-Benatia-Asamoah sembra ormai essere quello titolare per le ultime gare di Campionato, anche se contro la Roma sono state davvero troppe le disattenzioni commesse da questa retroguardia. In virtù di tali errori, Mister Max potrebbe optare per Chiellini al posto di Benatia e Alex Sandro al posto di Asamoah.

Centrocampo: squalificato con la Lazio, Pjanic dovrebbe riappropriarsi del suo posto da titolare. Accanto a lui, probabilmente ci sarà Marchisio qualora Khedira non dovesse recuperare.

Attacco: per portare a casa i tre punti fondamentali il reparto avanzato sarà sicuramente composto da Cuadrado-Dybala-Mandžukić-Higuain.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy