Casa Inter: per Napoli servirà migliorare la difesa e la testa

Casa Inter: per Napoli servirà migliorare la difesa e la testa

Report del mercoledì: tutte le ultime news dalla sede nerazzurra.

Commenta per primo!

Pioli inizia il lavoro in preparazione della sfida di venerdì contro il Napoli, che aprirà la 15a giornata di Serie A. La settimana appena conclusa è stata un’altalena di emozioni: dalla disfatta in Europa League, alla prima vittoria sulla panchina nerazzurra. I tre punti conquistati contro la Fiorentina sono stati fondamentali, sia per la rincorsa alla terza posizione, sia per il morale della squadra. La partita di venerdì sarà un banco di prova importante per la sua Inter.

INTER: REPORT ALLENAMENTO

I nerazzurri sono stati richiamati subito all’appello dopo la vittoria sulla Fiorentina. Come di consueto, i giocatori maggiormente impegnati nella sfida di Campionato hanno svolto un lavoro di scarico in palestra. Il resto della squadra ha invece lavorato sul campo.

Il programma, per la giornata di oggi, prevede un allenamento a porte chiuse nel pomeriggio. Mattina libera invece per tutta la squadra. Domani, dopo la sessione di lavoro mattutina, al termine della quale Pioli terrà la conferenza stampa pre-match, l’Inter partirà per la volta di Napoli.

INTER: REPORT INFORTUNATI

E’ tornato ad allenarsi con il gruppo Palacio, dopo essere stato a riposo a causa di un risentimento FC Internazionale Training Sessionmuscolare ai flessori della coscia destra. Lavora ancora a parte Santon, lo stop dovuto ad un affaticamento al quadricipite della coscia sinistra si è protratto più del previsato.

Prosegue invece la riabilitazione per Medel, che dopo la lesione del menisco laterale, rimediata durante il derby di Milano, è stato sottoposto ad un intervento chilurgico.

INTER: DISAMINA TATTICA IN VISTA DEL NAPOLI

Il secondo tempo di Inter-Fiorentina ha fatto passare un lungo brivido sulla schiena dei tifosi nerazzurri. Tutti i presupposti dei primi quindici minuti della ripresa erano quelli di assistere nuovamente ad una rimonta subita, dopo quella di qualche giorno prima in Europa League. Ma stavolta è finita bene, la rimonta viola non si è chiusa, anzi, ci ha pensato Icardi a metterci la proverbiale pietra sopra. Resta però un problema: l’Inter ha due facce, una buona e una cattiva. Eppure, con Pioli, i nerazzurri avevano iniziato esattamente nel modo opposto, recuperando il derby di Milano a tempo scaduto. Oggi si deve invece lavorare sulla gestione del vantaggio, perché pare che questa squadra abbia FC Internazionale v ACF Fiorentina - Serie A“paura di vincere”.
Quello che c’è da salvare è sicuramente l’approccio alla gara, almeno in partenza. Sia in Europa che lunedì contro la Fiorentina, l’Inter è partita in maniera perfetta, aggredendo l’avversario e sfruttando il gap tecnico a suo favore.
Aggressione e concretezza, l’Inter ha saputo mettere in difficoltà gli avversari anche senza tenere il pallino del gioco, prerogativa dell’ex tecnico De Boer. Le ripartenze di Perisic e Candreva, con l’aiuto del doppio binario formato dai terzini, sono state sfruttate al meglio dagli inserimenti dei centrocampisti, Brozovic su tutti.
Il lavoro di Pioli dovrà essere dunque a livello mentale, perché se si permette ad una squadra sotto di tre gol, e di un uomo, di rischiare di strapparti un punto in casa, qualcosa non va. Cosa che Pioli ha sempre sbandierato dal suo insediamento: “la testa cura le gambe”, ha sempre sostenuto.
A complicare la situazione c’è una difesa che continua ad essere l’anello debole. Eppure, Ansaldi a parte, gli uomini sono gli stessi che con Mancini sono riusciti a chiudere tutto un girone come miglior difesa, e che facevano dell’1-0 il risultato più probabile. A discapito del nuovo tecnico c’è da dire che le sue intenzioni erano quelle di affidare a Medel il presidio della retroguardia, ma la sorte si è messa di mezzo.

INTER INTERVISTE: D’AMBROSIO

Danilo D’Ambrosio è stato intervistato ai microfoni di Premium Sport rispondendo ad una domanda sulla vittoria contro la Fiorentina: “E’ una caratteristica dell’Inter quella di far soffrire la squadra avversaria ed i tifosi… a parte gli scherzi, è normale che vanno eliminati i difetti di questa squadra, bisogna chiudere prima le partite e rimanere concentrati fino alla fine. Pecchiamo di superficialità e ci sentiamo sicuri per il risultato, può succedere se vinci 3-0 contro un’ottima squadra come la Fiorentina dopo venti minuti, ma è un errore che non bisogna fare. Con Pioli mi trovo molto bene, ha portato nuove idee tattiche, un gioco differente e un lavoro fisico molto intenso. Icardi, da quando è capitano, è cresciuto tanto. E’ giovane, e ha commesso degli errori, come possono fare tutti, ma ora è più maturo e ha la testa sulle spalle”.

FANTAPILLS:

fantapillsMiranda: il lavoro di anticipo chiesto dal Mister lo mette in difficoltà. Con Pioli la difesa deve attaccare alta, e lui, che non fa della rapidità il suo fondamentale migliore, ha iniziato a traballare.

Candreva: sta finalmente portando bonus con regolarità e, se c’erano dubbi con l’arrivo del nuovo tecnico, sono stati spazzati via dalle due ultime partite. Dopotutto, è proprio nella Lazio di Pioli che Candreva è diventato un top di centrocampo.

Handanovic: la difesa non è di certo il punto forte dell’Inter, se poi ci si mette anche lui, diventa un problema serio. In Europa ha lasciato la squadra in 10 con un’uscita folle, con la Fiorentina ha mancato il tiro semplice di Ilicic. Con il Napoli urge riavere il vecchio Handanovic, potrebbe essere lui a fare la differenza.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy