Conferenza Genoa – Ballardini: “La coppia Galabinov-Pandev non è definitiva”

Conferenza Genoa – Ballardini: “La coppia Galabinov-Pandev non è definitiva”

L’allenatore rossoblu ha parlato delle sue scelte offensive e del nuovo arrivato, il difensore El Yamiq. Buone notizie anche per i fantallenatori di Adel Taarabt.

Commenta per primo!
Ballardini Genoa

Tra le maggiori sorprese di questi ultimi giorni calcistici, vi è senza dubbio il Genoa. I rossoblu, dopo un inizio di stagione decisamente insufficiente, sono pian piano riusciti a risalire in classifica, allontanandosi leggermente dalla zona retrocessione. Gran merito di questo risultato è da ricollegare all’allenatore, Davide Ballardini, arrivato sulla panchina rossoblu nel mese di novembre. Da quel momento, il Genoa ha collezionato ben 18 punti in undici partite: un periodo più che positivo, culminato nell’imprevedibile successo in trasferta contro la Lazio.

LE PAROLE DI BALLARDINI IN CONFERENZA

Adesso non c’è però tempo per sedersi sugli allori e quindi i rossoblu guardano avanti, alla sfida salvezza che domani alle ore 15:00 vedrà contrapposte Chievo e Genoa. Oggi Davide Ballardini ha risposto alle domande dei giornalisti: andiamo quindi a leggere cosa ha dichiarato.

SULLA FORMAZIONE: “Riguardo alla formazione di domani non dovrebbero esserci grandi cambiamenti rispetto alla scorsa partita”.

SU EL YAMIQ: “Il suo è stato un acquisto azzeccato. Ha entusiasmo e serietà. Può ricoprire tutti e tre i ruoli anche se è abituato a giocare come difensore centrale di destra”.

SUI NUOVI ARRIVATI: “Sono professionisti seri e per bene. Tutti felici di essere qui con voglia di dimostrare di poter essere d’aiuto al Genoa”.

SUGLI ATTACCANTI: “La coppia Galabinov-Pandev ha fatto bene con la Lazio. Anche Lapadula è stato molto bravo così come gli altri. Non è la coppia di attaccanti definitiva”.

SU TAARABT: “Dovrebbe tornare ad allenarsi in gruppo già dalla prossima settimana”.

SULLA DIFESA A QUATTRO: “No, non passeremo alla difesa a quattro. Perché ci sono caratteristiche troppo forti dei giocatori che abbiamo in rosa per pensare di giocare in un altro modo”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy