Roma, turnover? No, grazie!

Roma, turnover? No, grazie!

Quest’anno la Roma non riesce a decollare, colpa sicuramente dei molti infortuni, ma anche dei nuovi innesti che non riescono a carburare, Pastore e Kluivert su tutti.

di Alessio Giaccari

Mister Di Francesco ha tanto a cui pensare in questo delicato periodo, il più importante dell’anno, in cui bisogna mantenere alto il livello di concentrazione e in salute i giocatori per poter affrontare egregiamente due appuntamenti settimanali. Di sicuro si potrebbe ricorrere al turnover per far riposare e recuperare gli elementi che giocano più spesso, eppure alla Roma questo non accade.

ROMA: TRA NUOVI ACQUISTI E INFORTUNATI, QUALCUNO GIOCHERÀ?

L’acquisto più importante dell’estate giallorossa è stato certamente Javier Pastore, destinato con il tempo a rimpiazzare Nainggolan. L’argentino però è stato totalmente ignorato nelle ultime uscite e, se è vero che le concause di questo sono da ricercarsi anche tra i tanti infortuni subiti, è altrettanto vero che il calciatore pare aver perso il posto in favore dell’emergente Zaniolo, punto cardine di congiunzione tra il centrocampo e l’attacco giallorosso.

Oltre a “El flaco”, anche Diego Perotti è caduto in disgrazia a causa degli infortuni, tanto da aver giocato finora solo quattro partite. Arrivato con una spesa importante dal Genoa, “El monito” non ha mai fatto vedere la grande classe di cui è dotato e, a lungo andare, questo ha spinto tifosi e mister a perdere la fiducia in lui.

Anche Ante Coric non riesce a trovare spazio. Di Francesco infatti non vede nessuno oltre i soliti noti in mezzo al campo (Pellegrini, Cristante, Zaniolo, Nzonzi e De Rossi). E non vive una situazione migliore pure il figlio d’arte Kluivert, che non ha mai preteso di essere titolare inamovibile, ma che probabilmente nemmeno apprezza di essere l’uomo che entra a partita in corso, quello che dovrebbe spezzare la partita nel secondo tempo e che in realtà non riesce a fare la differenza.

Eterno atteso è invece Schick. Strappato alla Juventus per motivi più o meno dubbi, quello che ha fatto vedere sinora dimostra come sia andata bene soltanto ai bianconeri. Il ceco non ha mai convinto Di Francesco e ormai i numeri da circo ottenuti in blucerchiato appaiono solo come un lontano ricordo.

Per quanto riguarda il reparto difensivo invece, va peggio ai vari Santon, Karsdorp e Juan Jesus: il primo, giunto a Trigoria senza troppe pretese vista la presenza in rosa di Florenzi, è stato davvero poco utilizzato; l’olandese conta più infortuni che presenze in campo in due anni; infine, il brasiliano ex Inter non trova più spazio. Per non parlare di Marcano: le sole cinque presenze da inizio anno rappresentano una mancanza totale di fiducia del mister nel ragazzo, malgrado le prestazioni sottotono di Fazio, che rimane inamovibile visti i quattro bonus portati in dote.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy