Gerson esterno d’attacco è più di un’idea: come cambia la Fiorentina

Gerson esterno d’attacco è più di un’idea: come cambia la Fiorentina

Nel secondo tempo di Fiorentina-Roma si è visto Gerson in versione ala offensiva, una soluzione che potrebbe essere più che un’idea per il futuro.

di Francesco Spada, @MoradinGE

Continua la ricerca di Pioli dell’esterno offensivo da affiancare a Simeone e Chiesa. Con Pjaça alla seconda panchina consecutiva a causa delle sue prestazioni decisamente sottotono, Mirallas non ha sfruttato a dovere la nuova chance da titolare concessa nella partita di ieri. Prima di quest’ultima, la soluzione sembrava essere il rispolvero di Eysseric, che però pare lontano dai progetti viola, così come il suo connazionale Thereau. Ecco dunque che nella ripresa di Fiorentina-Roma, al cambio di Mirallas per Fernandes, Gerson è andato a prendersi il posto del belga in posizione avanzata, mostrando qualche buon colpo e dando vita ad una prestazione degna, più che un segnale per Pioli.

GERSON ESTERNO OFFENSIVO: COME CAMBIA LA FIORENTINA

L’eventuale avanzamento di Gerson sulla linea degli attaccanti porterà Pjaça e Mirallas in panchina come prima conseguenza e, magari, toglierà qualche compito di copertura a Chiesa, rendendo il giovane talento viola ancora più pericoloso.

A centrocampo Benassi è inamovibile e continuerà ad inserirsi con costanza, mentre Veretout potrà ricoprire più ruoli a seconda delle scelte di Pioli: se sarà Fernandes a completare il trio di centrocampo, resterà in cabina di regia davanti alla difesa, mentre se l’opzione per la terza maglia cadesse a sorpresa su Norgaard allora Veretout tornerebbe mezzala. Dabo dovrebbe rimanere la prima riserva da inserire per tenere il risultato.

GERSON ESTERNO OFFENSIVO: COSA CAMBIA AL FANTACALCIO

Ammesso che al momento sono solo ipotesi, l’appetibilità di Gerson può solo salire. Da esterno d’attacco avrà più chance di andare a bonus, anche se rischia un votaccio qualora non dovesse mettersi in mostra. La maggiore incognita sarà, oltre al fatto di vederlo effettivamente nel nuovo ruolo, il suo adattamento alla posizione nonché capire come Pioli intenda gestirlo a livello tattico, se più da collante oppure più avanzato per dare supporto a Simeone. In ogni caso, allo stato attuale, chi ha Gerson in rosa se lo dovrà tenere stretto almeno fino a gennaio: la sorpresa può essere dietro l’angolo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy