Gabbiadini, è il tuo momento, adesso che manca Higuain

Gabbiadini, è il tuo momento, adesso che manca Higuain

L’attaccante del Napoli ha finalmente l’occasione per confermarsi bomber

Se c’è un solo uomo che può godere di queste 4 giornate di squalifica ad Higuain (oltre i non fantapossessori, ndr) è proprio Manolo Gabbiadini, il suo vice. Per un attaccante 23enne come lui avere la prima vera occasione da titolare ad Aprile è alquanto imbarazzante. Ed è arrivato il momento di dimostrare se la stagione come vice Pipita è stata una stagione buttata alle ortiche o è questo il posto che merita. Scopriamo assieme i prossimi impegni e le novità per capire se è opportuno puntare su Gabbiadini al Fantacalcio.

Gabbiadini, adesso hai 360 minuti di titolarità

4 partite, 360 minuti (un conto alla buona) da giocare titolare; pochissimi, considerando il talento e le statistiche di Manolo, ma molti di più di quanti Sarri gliene abbia regalati quest’anno. Alcuni numeri:

18 partite in Serie A, 2 gol e 3 assist, 1 sola partita da titolare, 4 non giocate per infortunio

4 gol in 6 partite di Europa League, tutti segnati da titolare

I numeri parlano chiaro. Il Gabbia titolare fa male. Fare il subentrante non è nelle sue corde; ha capacità, voglia e talento per dominare il campo per 90 minuti almeno. In totale sono 307 minuti giocati in Serie A, con una media di 154 minuti per segnare un gol (1 gol ogni 2 partite circa).

Bisogna mettersi anche nei panni di Sarri: con un Pipita così, difficilmente lasci spazio ad altri, chiunque esso sia. Mossa non prevedibile per Manolo, ma lui ha scelto di restare a Napoli nonostante le numerose offerte giunte sia in estate che a gennaio, e grazie a queste 4 partite ha l’occasione di rimediare a una stagione molto sotto i suoi standard. L’anno scorso di questi tempi aveva nel tabellino 10 gol (ne realizzò poi 15) con più di 1800 minuti giocati.

Ora il Napoli è Gabbia-dipendente

Se ha fatto di tutto per dimostrare che non era Higuain-dipendente, ora sarà Gabbia-dipendente obbligatoriamente. Nessun rincalzo per Manolo che dovrà reggere la pressione e cercare di resistere per queste 4 giornate dove affronterà Verona, Inter, Bologna e Roma. Approccio soft contro il Verona dove Sarri non potrà fare affidamento neanche su Koulibaly e Mertens, poi la prima vera sfida al Meazza contro i nerazzurri. Per la 34a Giornata si torna al San Paolo dove Gabbiadini troverà il Bologna, mentre il 25 aprile spazio al big match Roma – Napoli.

E’ questo il duello più interessante che ci accompagnerà per le prossime 7 giornate: con uno scontro diretto ancora da giocare, la sfida per il 2° posto è più che riaperta. Sono molti 4 punti di distanza, ma una vittoria nello scontro diretto potrebbe portare la Roma a -1 dai partenopei, rispetto ai quali ha anche un calendario molto più agevole. Ma il Napoli ha un’arma in più rispetto ai giallorossi: Manolo Gabbiadini.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy