• Arriva il Fantacalcio dei Mondiali: tutti i nostri consigli

Fantamondiale Russia 2018: la scheda della Russia

Fantamondiale Russia 2018: la scheda della Russia

I padroni di casa faranno di tutto per far felici i propri tifosi e superare almeno il giorne di qualificazione. Sono stati inseriti nel girone A con Uruguay, Egitto e Arabia Saudita.

di Andrea Riefolo, @Andrea_Rie2

banner_up

La Russia si appresta ad affrontare il mondiale da squadra ospitante, per questo il popolo slavo ha buone aspettative su questa competizione. Gli ultimi 10 anni sono stati anni bui per la nazionale russa, che non è mai riuscita a superare il girone iniziale dal famoso europeo del 2008, dove sono saliti alla ribalta Arshavin e Pavlyuchenko. Squadra vecchia e con poca tecnica, neanche un grande allenatore come Capello è riuscito nell’impresa di portare un minimo di idee in una nazionale molto statica.
La Russia, nonostante non arrivi a questo mondiale con grandi reali speranze, ha buone possibilità di passare il girone, almeno da seconda squadra. Pesantissime saranno le assenze di Kokorin, Dzhikiya e Vasin: il primo era forse tra i maggiori talenti della squadra russa, gli altri due erano i difensori titolari di una difesa che molto spesso risulta poco efficiente per i grandi palcoscenici.

Immagine

Immagine

La probabile formazione (3-5-1-1): Akinfeev; Granat, S.Ignashevich, Kudryashov; Samedov, Dzagoev, Zobnin, Golovin, Zirkhov; Al. Miranchuk; Smolov.

La Russia è stata inserita nel girone A con Uruguay, Egitto ed Arabia Saudita, un girone abbastanza semplice, soprattutto con la probabile assenza di Salah nelle prime una/due partite del campionato mondiale.

Il ct della nazionale è Cherchesov, allenatore navigato cresciuto tra Austria e Russia. In Nazionale il suo modulo di riferimento è il 3-5-1-1 (o 3-5-2), anche se in queste ultime amichevoli ha sperimentato il 4-5-1 con scarsi risultati.
In porta il sicuro titolare è Akinfeev, capitano e veterano di questa squadra.
In difesa si devono affrontare le due grandi assenze di cui abbiamo parlato poco sopra, i titolari saranno quindi il quasi 39enne S.Ignashevich, al ritorno in nazionale dopo il ritiro dell’anno scorso e Kudryashov, mentre per il terzo posto nel terzetto difensivo si giocano ci sono in lizza Granat e Kutepov, con il primo decisamente avvantaggiato.
A centrocampo i titolari inamovibili saranno gli esperti Samedov e Zirkhov sulle fasce ed il talentuoso Golovin come mezzala o come seconda punta. Gli altri due posti dovrebbero essere occupati da Dzagoev e Zobnin, ma non si possono considerare veri e propri titolari, soprattutto Zobnin che risulta essere in ballottaggio con Kuzyayev e Yerokhin.

In attacco Smolov è il perno fisso dell’offensiva russa, la seconda punta sarà Al. Miranchuk, anch’esso in ballottaggio, soprattutto in vista di un possibile passaggio al 4-5-1. In questo caso, infatti, giocherebbe Mario Fernandes terzino destro e verrebbe avanzato uno tra Golovin e Dzagoev.

Immagine

Zobnin 50% – Kuzyayev 30% – Yerokhin 20%

Al.Miranchuk 51% – Mario Fernandes 49%

Immagine

Smolov: Ormai non è più una sorpresa: negli ultimi tre anni in Russia ha vinto due volte la classifica cannonieri e quest’anno è arrivato secondo, segnando 14 gol in 22 presenze. Nelle amichevoli di preparazione al mondiale ha segnato 5 gol in 9 partite, praticamente va in gol ogni due gare. Certo al Mondiale sarà tutto diverso e la squadra che avrá dietro dovra supportarlo adeguatamente, ma i numeri sono numeri, e visto anche il girone non proibitivo un pensierino su di lui lo si può fare. Alla fine se la Russia dovesse far gol, state pur certi che lui in qualche modo ci avrà messo lo zampino.

Golovin: Non è un giocatore molto prolifico, ma nella squadra di Cherchesov è sicuramente tra i più forti tecnicamente. Quest’anno nel CSKA ha anche fatto un ottima figura sia in Champions League che in Europa Legaue, segnando, in quest’ultima competizione, 2 gol in 5 partite. Sarà tra i giocatori che toccheranno più palloni e che più proveranno a spingere la Russia in attacco. Lo si può comprare per sperare nella sua definitiva consacrazione.

Immagine

Akinfeev: a 32 anni si appresta a vivere la sua ennesima manifestazione internazionale con la Russia. Purtroppo per lui, in questo tipo di manifestazioni, non ha mai brillato, forse perche spesso travolto dalla pressione, non facendo mai vedere quanto di buono fatto vedere nella madre patria. In più ci si aggiunge il fatto che la Russia in fase difensiva non sia proprio il massimo dell’affidabilità, per questo vi sconsigliamo di prendere il portiere della squadra ospitante, che potrebbe seriamente subire almeno un gol a partita.

Kudryashov: Il terzino sinistro del Rubin Kazan è un fedelissimo di Cherchesov, avendo giocato praticamente quasi tutte le partite da quando c’è lui in panchina, quindi se cercate la titolarità con lui siete al sicuro. Il problema è che può assicurarvi solo quella, perchè con lui il voto negativo è sempre dietro l’angolo, in più sia da terzino, che da centrale, non vede minimamente la porta, limitandosi a mantenere la sua zona di competenza. Il consiglio negativo è da condividere con tutta la difesa, solo che gli altri, a differenza sua, magari possono portare un gol da corner.

Immagine

Dzagoev: Sicuramente è il giocatore più talentuoso della Russia, ma un po’ per la sfortuna con i tanti infortuni, un po’ per il carattere peperino, non è mai riuscito a sfondare a grandi livelli, limitandosi ad essere una stella nel campionato russo con il CSKA Mosca. Quest’anno ha fatto vedere buone cose, mettendo a referto 3 gol e 7 assist in 21 partite di campionato, a cui si aggiungono 3 gol in Champions League e un gol in Europa League. A 28 anni quasi compiuti potrebbe diventare il vero trascinatore di questa squadra, vedremo se finalmente raggiungerá la giusta maturità per poter risultare decisivo. Sorpresa ad alto rischio.

Al.Miranchuk: A 22 anni ha già giocato 17 partite con la nazionale andando in rete 4 volte. Viene da una stagione di grazia con la Lokomotiv Mosca, nel quale ha giocato 41 partite segnando 8 gol e facendo 11 assist. Sulla Gazzetta è listato centrocampista, un’ottima notizia per noi fanta-allenatori, visto che gioca praticamente da seconda punta, in appoggio a Smolov. Chi vuole rischiare può trovare in lui un buon asso nella manica.

Samedov: Il 33enne laterale dello Spartak Mosca è ormai un veterano della nazionale russa. Nonostante il campionato non proprio eccellente appena disputato, Cherchesov non può proprio fare a meno di lui, facendolo giocare sia come laterale, sia come mezzala quando serve. La porta la vede e batterà quasi tutti i calci piazzati, rigori compresi (in ballottaggio con Smolov), fattore da prendere assolutamente in considerazione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy