Fantacalcio, undici colpi low cost per stupire i tuoi avversari

Fantacalcio, undici colpi low cost per stupire i tuoi avversari

Con l’asta sempre più vicina, sorprendere i compagni di lega con nomi non altisonanti ma dal potenziale alto potrebbe risultare determinante. Diamo un occhio ad una formazione low cost composta da giocatori ‘meno quotati’.

di Francesco Spada, @MoradinGE

Esistono diversi tipi di fantallenatori, diversissimi per strategia d’asta, stile di gioco e chi più ne ha, più ne metta. Si va dal fantallenatore che deve avere almeno un top per reparto a quello che se si ritrovano un top è solo perché ha indovinato la scommessa di turno. Ad accomunare ogni tipo di fantallenatore, però, esiste una categoria di giocatori indispensabile per poter arrivare fino in fondo con la possibilità di vincere: stiamo parlando dei colpi low cost. Vediamo insieme una possibile formazione composta da tali colpi.

FANTACALCIO, LOW COST: PORTIERI E DIFENSORI

Un nome interessante per la porta potrebbe essere la scommessa Mattia Perin (2 crediti): la Juventus in estate si è assicurata il giocatore acquistandolo dal Genoa, ma, sulla carta, partirà dietro al polacco Szczesny, ufficialmente designato da Allegri come successore di Gianluigi Buffon. Allegri, però, nella passata stagione ha spesso alternato i portieri – considerate le 17 presenze del polacco – e chissà che la stessa situazione non possa verificarsi questa stagione e vedere a fine anno Perin con una decina di apparizioni.

In difesa il gioco delle coppie potrebbe invece portare diversi vantaggi: il duo Mancini-Palomino (5 crediti il primo, 7 il secondo) garantisce un titolare sicuro con annessa utilità al modificatore e potrebbero anche talvolta giocare insieme. Altra coppia-scommessa potrebbe essere quella del Parma composta da Dimarco ( 3 crediti) e Gobbi (4 crediti): il primo, classe ’97 ex Sion, Inter ed Empoli, parte in vantaggio nel ballottaggio con l’esperto classe ’80 che la società parmense ha voluto affiancare al più giovane per aiutarlo nel processo di crescita.

A completare la difesa potremmo puntare su Pol Lirola ( 5 crediti) e su Giancarlo Gonzalez ( 4 crediti) rispettivamente giocatori del Sassuolo, il primo, e del Bologna, il secondo. Per il terzino neroverde classe ’97 questa potrebbe essere la stagione giusta per un salto di qualità, mentre per il costaricense classe ’88 bisognerà comprendere quale effetto avrà l’incognita Pippo Inzaghi, ma con la difesa a 3 possiamo aspettarci buone cose.

FANTACALCIO, LOW COST: CENTROCAMPISTI

Per il centrocampo un nome interessante potrebbe essere quello di Leonardo Capezzi (5 crediti): l’ex Fiorentina dopo le esperienze di Crotone e Sampdoria arriva all’Empoli per prendersi un posto da titolare in mezzo al campo. Il bonus difficilmente arriverà, ma, salvo un rendimento al di sotto delle aspettative, dovrebbe mantenere lo status di titolare per tutta la stagione. Chi invece è chiamato al salto di qualità è Stefano Sensi (6 crediti): il giocatore neroverde, dopo due stagioni tra infortuni e utilizzi in ruoli non sua, verrà schierato da De Zerbi come mezzala – ruolo in cui giocava ai tempi di Di Francesco – e qualche bonus potrebbe dunque portarlo in dote.

Un altro prospetto low cost interessante sta nascendo a Bergamo: stiamo ovviamente parlando di Matteo Pessina (4 crediti). Utilizzato praticamente sempre in questo precampionato, si gioca però il posto di primo subentrante con il più conosciuto Mario Pasalic (14 crediti) ma può essere un’ottima scommessa ad un prezzo davvero contenuto.

FANTACALCIO, LOW COST: ATTACCANTI

Per l’attacco, un giocatore che ci sta pienamente convincendo, è Kryzstof Piatek (11 credti). Ha già mostrato il suo repertorio nelle amichevoli e ad aver più colpito sono sopratutto i suoi movimenti da attaccante vero dentro l’area, la capacità di difesa del pallone per far salire la squadra e la prontezza nel cercare il tiro in porta: insomma qualche credito lo si può puntare su di lui.

A Cagliari il cambio allenatore potrebbe fare bene a Diego Farias (12 crediti): l’attaccante sardo non ha mai demeritato in termini di impegno, anche se certamente il cinismo sotto porta non si può definire certo un suo pezzo forte motivo per cui non ha mai raggiunto la doppia cifra. La sua titolarità non è messa in dubbio: resta infatti uno dei giocatori più dotati tecnicamente di questo Cagliari e chissà che questo non possa essere l’anno giusto per lui.

A completare il nostro tridente è Gregoire Defrel (13 crediti). A Roma non è riuscito ad imporsi come esterno d’attacco e a Genoa è arrivato per cercare il riscatto giocando più vicino alla porta al fianco di Quagliarella. La concorrenza del giovane Dawid Kownacki sarà spietata, ma la voglia di rivalsa dell’ex giallorosso potrebbe avere la meglio.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy