Empoli, difesa a pezzi: fuori Silvestre e Pajac

Empoli, difesa a pezzi: fuori Silvestre e Pajac

Seconda peggiore difesa del campionato e terz’ultima posizione fresca di giorni: l’infortunio a Silvestre e Pajac non capita nel momento migliore per i toscani.

di Giuseppe Ronco
Empoli, difesa a pezzi: fuori Silvestre e Pajac

Finale di stagione difficile per l’Empoli: dopo la trasferta di Udine e la vittoria del Bologna, gli uomini di Andreazzoli tornano a sedersi sulla prima posizione utile in classifica per “meritarsi” la Serie B. E sicuramente, se c’è da individuare un problema, quello risulta essere in difesa, secondo peggior reparto del campionato e settore in cui la squadra non è riuscita a trovare un assetto definitivo capace di dare una certa continuità. A coronare il tutto, lunedì sera c’è la difficilissima gara a Bergamo contro un’Atalanta ruggente e in corsa Europa, e bisognerà fare a meno di Silvestre e Pajac.

EMPOLI, LESIONE MUSCOLARE PER SILVESTRE E PAJAC

Gli accertamenti hanno evidenziato una lesione all’adduttore del flessore della gamba destra per Silvestre: sicuramente fuori contro gli uomini di Gasperini e, probabilmente, anche nella sfida decisiva contro la Spal. E il suo sostituto designato, Maietta, è anche squalificato. Un reparto da reinventare completamente insomma, con due dei tre partenti dai blocchi dell’ultima gara indisponibili. E a questi si aggiunge anche Pajac, recente conquistatore della fascia sinistra e anche lui alle prese con una lesione all’adduttore. Andreazzoli dovrà reinventarsi un reparto per le due gare che inaugurano il filotto delle ultime sette, decisivo per la permanenza in A dei toscani.

EMPOLI, LE SOLUZIONI IN DIFESA

Le vie che si aprono per il tecnico dell’Empoli sono sostanzialmente due: la prima, è quella di conservare la difesa a 3: in questo caso partirebbero titolari Veseli e il recente recuperato Dell’Orco, indisponibile nelle ultime due per un affaticamento muscolare. Il terzo posto se lo giocano Rasmussen, esperimento talvolta provato con risultati non esaltanti, e Nikolau, arrivato a gennaio dall’Olympiakos e finora mai sceso in campo con la maglia dei toscani.

A sinistra il problema è decisamente ridimensionato, con uno tra Antonelli e Pasqual a presidiare la corsia mancina e il secondo nettamente favorito. L’altra strada è, invece, il ritorno alla difesa a 4, eredità “andreazzoliana” accantonata da Iachini e che adesso potrebbe essere ripresa in considerazione alla luce della situazione di emergenza estrema. Allora Di Lorenzo si abbasserebbe a destra, con uno dei due espertissimi terzini a sinistra e Veseli-Dell’Orco centrali.

Insomma, un rebus di difficile soluzione in cui la certezza è una sola: recuperare al più presto gli uomini decisivi per riprendere la lotta per la permanenza in A.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy