Consigli Fantacalcio 29a giornata – Gli sconsigliati Fantamagazine

Consigli Fantacalcio 29a giornata – Gli sconsigliati Fantamagazine

Tutti gli sconsigliati della 29a giornata!

di Stefano Martelli, @Ste1983NO

Mancano poche ore allo scoccare della 29a giornata della Serie A 2018-19, e con essa giungono anche i nostri consigli. La redazione di Fantamagazine, infatti, per ogni turno di campionato vi proporrà i consigliati, le possibili sorprese ed uno speciale per analizzare tutti gli sconsigliati delle schede partita targate Gruppo Esperti (che potete trovare QUI).

CONSIGLI FANTACALCIO 29a GIORNATA – GLI SCONSIGLIATI

In questo appuntamento scopriamo insieme quali giocatori sono gli sconsigliati per la 29a giornata di Serie A. Vi ricordiamo inoltre che potrete seguire i nostri consigli nel modo che più preferite, da comodi messaggi gratuiti sul canale Telegram, sulla pagina Facebook di Fantamagazine e infine nell’ultima novità, FantaHUB, l’app per veri fantallenatori, disponibili negli store iOS e Android.

CHIEVO – CAGLIARI

Anticipo in chiave salvezza per la 29a giornata tra Chievo e Cagliari. Di Carlo sembra puntare molto su Andreolli. Non è detto che faccia male a priori, ma resta qualche dubbio sulla sua titolarità. Per questo lo inseriamo in questa sezione, dubitando comunque che qualcuno di voi lo abbia in rosa. Sia per Thereau che per Cerri ci sono ottimi motivi per sconsigliarli: il primo l’abbiamo visto in condizione pietosa nelle ultime settimane, il secondo dovrebbe essersi ripreso solo nella pausa dall’infortunio. Cerri lo rischieremmo solo con alternative scarse, Thereau idem, oppure se avete sensazioni forti su un gol dell’ex.

UDINESE – GENOA

Ultima apparizione di Opoku contro la Juventus e ne ha combinate di tutti i colori. E’ vero che la sufficienza sulla carta è fattibile ma onestamente considerando i suoi alti e bassi non possiamo che sconsigliarlo. Prandelli sembra riuscito a convincere il portoghese Pereira di poter essere un giocatore affidabile. Permangono grossi dubbi sulle qualità difensive, anche se si è vista qualche diagonale difensiva ben fatta. L’Udinese dovrà attaccare e la fascia destra genoana potrebbe essere l’anello debole, prestate molta attenzione, se la partita andasse male è altissimo il rischio di un votaccio.

JUVENTUS – EMPOLI

La partita sulla carta è abbordabile ed il risultato “strano” è già uscito nella scorsa giornata con il Genoa. Siamo abbastanza confidenti del non sconsigliarvi nessun bianconero in particolare per l’anticipo di sabato. Prendiamo Veseli come capro espiatorio di una difesa, quella dell’Empoli, che sarà sotto assedio per parecchi minuti.

SAMPDORIA – MILAN

Al momento la corsia destra della Samp è la zona più fragile della squadra e quindi appare ragionevole pensare che il Milan possa creare pericoli soprattutto su quella fascia dove peraltro dovrebbe agire il duo Paquetà-Calhanoglu. Sarebbe meglio risparmiare Murru e Bereszynski qualora disponiate di alternative meno rischiose. Quello di sostituire un pilastro della squadra come Ekdal è certamente un compito difficile e Vieira non è in condizioni fisico-atletiche ottimali essendo reduce da un acciacco con l’U21 inglese. Il ragazzo ha certamente ottime qualità sotto tutti i punti di vista, ma tatticamente deve ancora un po’ smaliziarsi per fare il titolare in partite di questo calibro nel nostro campionato. Il Musacchio visto nelle ultime settimane è senz’altro tra le note liete a livello fantacalcistico della rosa rossonera, ma contro la Samp sarebbe opportuno cercare di cavalcare meno la cresta dell’onda, in quanto dalle sue parti agirà Quagliarella, il capocannoniere del torneo.

PARMA – ATALANTA

La tenuta difensiva della squadra è peggiorata in questo girone di ritorno e contro un’Atalanta affamata di punti sarà difficile uscire indenne dal Tardini anche per un portiere esperto come Sepe. Sconsigliamo i terzini crociati visto che la squadra di Gasperini spinge forte sugli esterni e Iacoponi e Gagliolo non hanno un gran passo per tenerli a bada e potrebbero spesso ritrovarsi in difficoltà. Le presenze aumentano per Masiello, il rendimento non migliora e non è neanche sicuro di andare a voto: assolutamente glissabile. A ribadire la necessità di un turno di riposo per il buon Marten De Roon la troppa mollezza sul definitivo 2-3 contro la Germania. Calcisticamente fa la differenza, fantacalcisticamente meno ma sarebbe comunque schierabile se non fosse che è indubbiamente sulle gambe. Se lo avete, glissate anche lui a meno di situazioni catastrofiche.

FIORENTINA – TORINO

Possiamo definirla un po’ la strana coppia, per motivi diversi sono titolari quasi in pianta stabile anche se difficilmente fanno capire il perché. Lo svizzero Fernandes ha trovato 2 gol occasionali, per il resto è il solito mezzo regista che difende male ad alto rischio cartellini, in più non è detto che giochi visto che sta recuperando da un’infortunio. Gerson spostato sulla trequarti ha meno compiti difensivi, ma non riesce quasi mai a trovare il passaggio che svolti la manovra offensiva, caratteristica che dovrebbe avere qualsiasi trequartista. Tornato in campo Djidji dopo i problemi al ginocchio che lo hanno tenuto ai box per 4 giornate, lo ha fatto nel peggiore dei modi. Grandi responsabilità sul gol di Orsolini con un piazzamento totalmente errato. Muriel e gli altri che lo affiancheranno in attacco, con la loro velocità possono metterlo in crisi come già avvenuto nello scontro di Coppa Italia. Meité è stato il peggiore in campo a Frosinone, peggiore in campo contro il Bologna dove ha commesso un fallo di mano decisamente ingenuo regalando rigore e vantaggio agli avversari. Dopo le due giornate di squalifica, tornato in campo nel 2019, non ha più giocato a quel livello fatto vedere nelle prime gare della stagione.

FROSINONE – SPAL

Solita litania, l’apporto fantacalcistico di Maiello e Viviani non rispecchia quello reale. In aggiunta, il buon Viviani ha ripreso a lavorare in gruppo martedì. Si prospetta una partita movimentata da quelle parti del campo, e se a destra il compito sarà quello di dare maggior supporto alla fase offensiva, a sinistra dove giocherà Molinaro si dovrà tenere botta. Anche perché c’è una partita di andata da “vendicare” per gli spallini. Il polacco Cionek contro la Roma si è distinto per l’assist a Fares, ma per quanto riguarda la fase difensiva non ci siamo. In questa partita è vietato sbagliare, concediamogli un turno di riposo.

ROMA – NAPOLI

Gli attaccanti sono i simboli di questa stagione fallimentare. Il primo, Dzeko, il giocatore più forte della Roma, sembra ormai senza motivazioni. Vai in campo arrabbiato, litiga coi compagni, manda a quel paese tutti e attacca briga pure col pubblico. In casa non ha ancora segnato in questa stagione. Incontra, però, una delle sue vittime preferite, il Napoli. Il secondo, Schick, è il simbolo del fallimento di mercato del nuovo corso. In gol con l’Empoli, contro la Spal è ritornato il fantasma di sempre. Che l’algerino Ghoulam non fosse in forma lo avevamo capito tutti vedendolo giocare. E di questo ne abbiamo avuto la conferma durante questa sosta quando Faouzi è volato in Belgio per seguire un programma personalizzato di potenziamento muscolare. Dovrebbe essere convocato per questa trasferta ma vi sono molti dubbi sul fatto che giochi, da titolare e da subentrante.

BOLOGNA – SASSUOLO

Nonostante giochino, Gonzalez o Helander, al fianco di un maestro della difesa come il brasiliano Danilo, entrambi quando chiamati in causa hanno lasciato a desiderare. Gli avversari sono una squadra propositiva e, chi tra questi due sarà scelto come titolare, potrebbe andare in difficoltà. Da punto fermo di Inzaghi a riserva di Mihajlovic il passo è stato breve. Il tecnico serbo preferisce puntare su altri giocatori e per Mattiello restano solamente pochi minuti (appena 4′ nelle ultime 5 di campionato). Difficile non sconsigliare un giocatore come Rogerio perennemente punito dai pagellisti, anche oltre i suoi demeriti. Tenendo conto di qualche acciacco che si è portato dietro ultimamente, meglio lasciarlo perdere.

INTER – LAZIO

Potrebbe toccare a Perisic di giocare ancora con Icardi, cosa che fa assumere al suo nome una tragicomica tonalità rossastra. Scaramanticamente lo inseriamo qui, augurandoci che ogni dissidio sia ormai alle spalle. Che sia Bastos, Patric o Luiz Felipe, il centrodestra della difesa a 3 resta sempre il punto debole della squadra. Pertanto se avete questi difensori al fantacalcio, non schierateli.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy