Biglia al Milan: leader e titolarità, ma che valore al Fantacalcio?

Biglia al Milan: leader e titolarità, ma che valore al Fantacalcio?

L’approdo dell’argentino al Milan è ufficiale: scopriamo insieme cosa cambia al fantacalcio per Lucas Biglia nella sua nuova avventura in rossonero.

Commenta per primo!

Il Milan è la società più attiva sul mercato in questo momento, con una campagna acquisti mostruosa, che ha rivoluzionato completamente lo scacchiere rossonero. L’ultimo arrivato alla corte di Montella è l’argentino Lucas Biglia, proveniente dalla Lazio.

Montella è già pronto ad affidargli le chiavi del centrocampo. Ma come cambia l’appetibilità di Biglia al fantacalcio?

LUCAS BIGLIA: L’EVOLUZIONE DEL REGISTA

A 19 anni Lucas Biglia ha già capito cosa vuole fare da grande: 49 presenze in Primera División con l’Indipendiente de Avellaneda e una medaglia d’oro ai Mondiali Under20 con la Nazionale Argentina, dove ha giocato con calciatori del calibro di Messi, Aguero, Lavezzi.

“El Principito”, soprannome datogli dai suoi compagni argentini poichè fan sfegatato del “Principe” Fernando Redondo, sembra pronto per passare l’oceano. L’Europa che conta la trova con l’ Anderlecht, appena ventenne; resterà in Belgio per ben 7 anni, fin quando lo nota uno scout biancoceleste. Per soli 8 milioni Biglia arriva a Roma, sponda Lazio, tra lo sconforto dei tifosi, come accade spesso quando si acquistano giocatori non più giovanissimi per ruoli così importanti. La prima stagione alla Lazio non è entusiasmante, con Petkovic prima e con Reja poi, non scatta il feeling e i tifosi rumoreggiano sempre di più. Non si riesce a capire la dimensione dell’argentino: potrebbe fare il mastino di centrocampo, ma è troppo tecnico, così come potrebbe fare il regista, ma non sembra poter tenere le redini del gioco.

La rivoluzione arriva al Mondiale in Brasile: Sabella lo affianca a Mascherano, per liberarlo dal pressing e fargli da gregario. Un ruolo pregevole, importante, sembra il migliore per lui, ma non è ancora il massimo: Biglia vuole fare il leader, è nato per questo. Al ritorno a Roma trova un altro allenatore: Stefano Pioli. Il suo 4-3-3 fin troppo offensivo farà la fortuna dell’argentino: Pioli lo espone senza timore, giocando con la difesa alta e quattro giocatori d’attacco. L’incarnazione del detto “la miglior difesa è l’attacco”. Biglia stupisce per la costruzione del gioco, la quantità e la qualità dei lanci smarcanti e della sua gestione della palla in qualsiasi zona del campo, senza mai buttarla. Biglia è un centrocampista rinato: anche Inzaghi l’ha capito, e non ha osato toglierlo da quella posizione neanche in allenamento.

LUCAS BIGLIA, CHE VALORE AL FANTACALCIO?

Il Milan può essere la squadra perfetta per Lucas Biglia: l’età non è più giovanissima, ma Biglia arriva al Milan all’apice della sua maturità calcistica e caratteriale, da centrocampista completo e pieno di determinazione. Montella non lo inserirà in un gioco sbilanciato in avanti come quello della Lazio di Inzaghi, ma l’Aeroplanino sa come valorizzare le pedine del centrocampo.

A Biglia verranno affidate le redini del centrocampo, quindi la sua titolarità sembra assicurata, almeno sulla carta. L’argentino promette un’ottima media voto e una buona dose di assist, soprattutto se avrà la possibilità di poter sfruttare i calci piazzati. Da verificare lo status di rigorista: Suso o il colpo in attacco in arrivo potrebbero avere la priorità sul dischetto, per una situazione che andrà a definirsi, cambiando le carte in tavola sull’appetibilità di Biglia al fantacalcio. Allo stato attuale, dunque, Biglia può essere considerato il classico regolarista da inserire in un centrocampo già ricco in ottica bonus, per fornire sicurezza di voto e per essere schierato nelle partite più abbordabili.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy