Amichevole Udinese – Celje, ecco gli spunti fantacalcistici

Amichevole Udinese – Celje, ecco gli spunti fantacalcistici

L’Udinese dello spagnolo Velazquez ha giocato in amichevole ieri a ranghi ridotti per le Nazionali, ma non sono mancati gli spunti a livello fantacalcistico.

di Stefano Martelli, @Ste1983NO
Lasagna Udinese

Amichevole contro gli sloveni del Celje finita a reti inviolate per l’Udinese di mister Velazquez giocata ieri visto che il campionato è fermo a causa delle Nazionali, che hanno ridotto anche l’organico a disposizione dei friulani. Vediamo insieme i migliori spunti per il fantacalcio, che ha fornito l’amichevole.

Modulo e breve commento sulla partita

Male il primo tempo in generale, molto meglio nella ripresa. Da capire le motivazioni di questo comportamento in campo, probabilmente si sono sentiti i carichi di lavoro degli ultimi giorni visto che mercoledì i giocatori hanno svolto una doppia seduta, mentre giovedì hanno svolto un allenamento molto intenso; mister Velazquez ha approfittato dell’occasione per provare il 4-4-2, c’è da dire che comunque gli uomini a disposizione erano davvero contati.

Migliori e peggiori dell’amichevole

Tra i più positivi possiamo indicare i vari subentranti, come D’Alessandro, Pontisso e Micin, ma c’è da dire che anche l’ormai solito De Paul non si è comportato male e non ha sfigurato, mentre abbiamo intravisto i primi sprazzi di Pussetto, che la fase di ambientamento non l’ha ancora ultimata.

Tra i peggiori Balic, in ritardo di condizione per via del recente infortunio che lo ha tenuto un paio di settimane ai box.

Teodorczyk e Lasagna, chi meglio tra i due?

Il polacco Teodorczyk ha avuto diverse occasioni per incidere ma non le ha sfruttate, palesa ancora problemi di forma fisica, dunque ci riserviamo di valutarlo meglio in altri contesti anche perché il pessimo terreno di gara non aiutava. Lasagna sta invece vivendo un momento no, nel primo tempo non è stato mai innescato e nel secondo ha sbagliato un rigore. Siamo ancora a settembre, inutile annunciare disfatte: il ragazzo tornerà a segnare, non ci aspettiamo che segni sempre e solo lui. Tempo al tempo, ricordate che l’obiettivo è la doppia cifra. E con questa Udinese che gioca comunque bene è un obiettivo assolutamente alla portata.

Capitolo rigoristi, chi dopo De Paul?

Si inizia a delineare la gerarchie dietro De Paul. Al momento del rigore di oggi l’argentino non era in campo, a batterlo (e a sbagliarlo) è stato Lasagna: per il momento l’ex Carpi è avanti su Fofana e Teodorczyk e tutti gli altri per batterli in assenza del rigorista designato.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy